Il burnout negli operatori della salute mentale: quali interventi?

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Valentina Di Mattei, Antonio Prunas, Lucio Sarno
Anno di pubblicazione: 2004 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. Dimensione file: 65 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il costrutto del burnout è stato formulato da oltre trent’anni e strumenti con buone proprietà psicometriche per la sua valutazione e il suo assessment sono ormai di uso comune. Tuttavia, minore attenzione sembra essere stata rivolta dai ricercatori allo studio dell’efficacia degli interventi psicologici e organizzativi per la sua gestione in particolare nell’area della salute mentale. Obiettivo del presente studio è quello di offrire una panoramica degli interventi sul burnout in operatori della salute mentale prestando particolare attenzione alle prove di efficacia che li supportano. A tale scopo, la letteratura sul tema degli interventi terapeutici per la gestione della sindrome del burnout in operatori della salute mentale è stata raccolta attraverso le banche dati Medline e PsychInfo estendendo la ricerca a partire dal 1980. Il panorama degli interventi terapeutici proposti è alquanto ampio e spazia da approcci centrati sull’individuo (counseling e psicoterapia), ad interventi di gruppo, a livello organizzativo e strategie di auto-aiuto. Tuttavia, gli studi controllati sull’efficacia di tali approcci sono assai limitati pertanto le conclusioni che se ne possono trarre rappresentano esclusivamente delle considerazioni preliminari; in generale, emerge che gli interventi più efficaci siano quelli che agiscono contemporaneamente a vari livelli. Si è ancora molto lontani dalla formulazione di strategie d’intervento manualizzate e di efficacia verificata empiricamente. Diversi contributi presentano evidenti limiti metodologici soprattutto relativamente alla scarsa ampiezza dei campioni esaminati, all’assenza di gruppi di controllo e alla valutazione dell’efficacia di più di un intervento alla volta. Inoltre, si impone la necessità che studi successivi focalizzino maggiormente l’attenzione sugli altri profili professionali dell’area in oggetto e non soltanto sul personale infermieristico.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Valentina Di Mattei, Antonio Prunas, Lucio Sarno, Il burnout negli operatori della salute mentale: quali interventi? in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 2/2004, pp , DOI: