Clicca qui per scaricare

L’industria bellica italiana dopo Caporetto
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Andrea Curami 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: 261 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 653-664 Dimensione file:  102 KB
DOI:  10.3280/IC2010-261005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autore prende in esame la fondatezza delle affermazioni circa la straordinarietà dello sforzo compiuto dall’industria italiana per ripianare la perdita di artiglierie in seguito alla ritirata di Caporetto. Se tale perdita fu effettivamente consistente, va però detto che riguardò materiali in gran parte antiquati; dopo l’ottobre 1917 in realtà l’industria bellica proseguì nella realizzazione dei programmi di sviluppo già in atto prima dello sfondamento nemico, coordinati dal ministro delle Armi e munizioni, il generale Alfredo Dallolio, figura centrale nella mobilitazione industriale del paese. Anche il problema della scarsa disponibilità di manodopera e di materie prime era stato affrontato ben prima di Caporetto e dunque non rappresentò un ostacolo per l’industria impegnata nel conflitto. L’esaltazione dello sforzo produttivo volto a ripianare le perdite di Caporetto va dunque ricondotto agli aspri scontri che opposero nel dopoguerra i gruppi industriali italiani. L’ampia pubblicistica del tempo risente della volontà delle diverse industrie di sottolineare, da un lato, il proprio contributo alla vittoria finale, e di difendersi, dall’altro, dalle accuse di guadagni illeciti ottenuti rifornendo le forze armate.


Keywords: Prima guerra mondiale, industria bellica, mobilitazione industriale, Caporetto, Alfredo Dallolio, guadagni illeciti



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Andrea Curami, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 261/2010, pp. 653-664, DOI:10.3280/IC2010-261005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche