Clicca qui per scaricare

Il cuore dell’educazione: andare oltre le tecniche e i processi formali
Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO 
Autori/Curatori: Giacomo Papasidero 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 105 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 135-149 Dimensione file:  178 KB
DOI:  10.3280/QUA2016-105006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Educazione e formazione vengono comunemente analizzate sotto il profilo delle tecniche di insegnamento o dei processi formali che dovrebbero permettere il passaggio di conoscenza dal docente agli allievi. Qualsiasi riforma ministeriale punta sempre su questi aspetti, dando per scontato il contenuto della formazione e il rapporto tra formatore e allievo, nonché la "preparazione umana" dei docenti. In questo saggio intendo mettere in luce come l’elemento chiave di qualsiasi progetto di formazione sia la relazione tra formatore e allievi, individuare quali sono le caratteristiche essenziali perché la formazione abbia successo e produca un reale miglioramento delle capacità e competenze degli studenti, quali sono le qualità indispensabili a un formatore - prima di tutto dal punto di vista umano e relazionale - e indicare la strada che, in forza della mia esperienza professionale, considero più auspicabile per cambiare e migliorare tutti i processi formativi, a qualsiasi livello.


  1. Ubbiali M. (2010). Per un’ascesa al senso dell’educare. Vie per la pedagogia attraverso la vita e l’opera di Edith Stein. Roma: Aracne editrice.
  2. Buscaglia L. (1987). Amore. Milano: Mondadori.
  3. Neill A. S. (1990). I ragazzi felici di Summerhill. Novara: Edizioni Red.
  4. Fromm E. (1977). Avere o essere. Milano: Mondadori.
  5. Fromm E. (1963). L’arte di amare. Milano: Mondadori.

Giacomo Papasidero, in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 105/2016, pp. 135-149, DOI:10.3280/QUA2016-105006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche