Amicizie mediterranee e interesse nazionale

A cura di: Matteo Pizzigallo

Amicizie mediterranee e interesse nazionale

1946-1954

Edizione a stampa

21,00

Pagine: 224

ISBN: 9788846482792

Edizione: 1a edizione 2006

Codice editore: 1792.96

Disponibilità: Discreta

Il Mediterraneo Orientale è sempre di più al centro dell'attenzione internazionale. L'amicizia e la cooperazione euromediterranea sono infatti i prerequisiti per ogni politica di pace e di stabilità in Medio Oriente e nel Golfo ove, come hanno dimostrato i recenti drammatici avvenimenti, non è possibile imporre alcunché con la forza.
Amicizia e cooperazione, che ora, finalmente, sembrano essere valori condivisi anche dalle altre diplomazie europee, sono sempre stati, fin dalla fondazione della Repubblica, gli stabili caratteri distintivi del patrimonio genetico della diplomazia italiana.
Nel secondo dopoguerra infatti, pur impegnata nel faticoso smaltimento della sconfitta, la diplomazia italiana non mancò di volgersi al Mediterraneo orientale nella prospettiva di avviare o di intensificare rapporti di amicizia con i Paesi rivieraschi.
In questo libro, che rappresenta un ulteriore risultato di una più ampia e non ancora ultimata ricerca collettiva, sono ricostruiti alcuni significativi aspetti e momenti della nuova politica mediterranea della giovane Repubblica italiana, nel periodo compreso tra la fine degli anni Quaranta e gli inizi degli anni Cinquanta. Una politica che, per quanto limitata dalla debole posizione internazionale del Governo di Roma e dai rigidi schemi della guerra fredda, riuscì comunque a ritagliarsi una certa autonomia, ispirandosi alla "diplomazia dell'amicizia", originale modello tipicamente italiano di "relazioni mediterranee" progressivamente perfezionato nel corso degli anni e che gli altri Stati, nell'interesse della pace, oggi farebbero bene ad imitare.

Matteo Pizzigallo è professore ordinario di Storia delle relazioni internazionali nella Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Napoli "Federico II" e nella Libera Università "Maria S. Assunta" di Roma. Studioso di diplomazia economica, ha condotto ricerche sugli aspetti politico-internazionali della questione degli approvvigionamenti petroliferi e sulla politica estera italiana, pubblicando diverse monografie. Tra i suoi lavori più recenti: La diplomazia dell'amicizia: Italia e Arabia Saudita (Napoli, 2000) tradotto anche in arabo (Riyadh, 2005); Missioni militari italiane in tempo di pace (Roma, 2003); Disarmo navale e Turchia nella politica italiana (Napoli, 2004) e, per i nostri tipi, ha curato il volume L'Italia e il Mediterraneo Orientale (Milano, 2004). Giornalista pubblicista, collabora alla Gazzetta del Mezzogiorno di Bari.



Matteo Pizzigallo, Premessa
Parte I. Sulla via di Damasco
Matteo Pizzigallo, L'avvio delle relazioni diplomatiche fra Italia e Repubblica siriana
Matteo Pizzigallo, L'Italia e la stagione dei colpi di stato in Siria
Matteo Pizzigallo, La diplomazia italiana e il regime del colonnello Adib al-Shishakli
Parte II. Prove di diplomazia mediterranea
Valeria Di Cecco, Sicurezza nazionale e protezione marittima: il ruolo della Marina militare
Emma Pietrafesa, La ferita in alto Adriatico: Togliatti e la questione di Trieste fra Roma e Mosca
Federica Onelli, L'ambasciatore Jannelli in missione in Medio oriente
Giovanna Dalla Torre, L'Italia e l'adesione della Grecia all'Alleanza atlantica
Giampaolo Malgeri, L'Italia e l'adesione della Turchia all'Alleanza atlantica
Appendice.

Contributi: Giovanna Dalla Torre, Valeria Di Cecco, Giampaolo Malgeri, Federica Onelli, Emma Pietrafesa

Collana: Temi di storia

Argomenti: Storia sociale e demografica - Storia urbana e del territorio

Livello: Studi, ricerche

Potrebbero interessarti anche