Idealismo e concretezza. Il paradigma epistemico hegeliano
Autori e curatori
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 128,      1a edizione  2013   (Codice editore 230.100)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 17,00
Disponibilità: Limitata




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820458348
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891701527
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
«Il vero è il concreto»: questo è forse il modo più efficace con cui Hegel definisce l’obiettivo primario della filosofia e questo è probabilmente il tratto più originale, oltre che controverso, della sua innovativa formulazione dell’idealismo. La filosofia è difatti l’unica scienza in grado di produrre strumenti adatti per una comprensione razionale della realtà nella sua concretezza.
Utili Link
Hegel-Studien Journal Recensione (di Georg Sans SJ)… Vedi...
Presentazione del volume

La filosofia deve essere scienza, secondo Hegel, in modo del tutto peculiare: rispetto a qualsiasi altra scienza, è l'unica in grado di produrre strumenti adatti per una comprensione razionale della realtà nella sua concretezza.
"Il vero è il concreto": questo è forse il modo più efficace con cui Hegel stesso definisce l'obiettivo primario della filosofia e questo è probabilmente il tratto più originale, oltre che controverso, della sua innovativa formulazione dell'idealismo, come del resto è stato evidenziato nel corso del '900, entro differenti contesti interpretativi, da Croce e Gentile, Adorno e Merleau-Ponty.
Il volume esamina questa impresa filosofica, concentrando l'attenzione su alcuni dei suoi momenti cruciali: l'idea della Scienza della logica, come superamento dei limiti della prospettiva trascendentale kantiana; l'esame antropologico, fenomenologico e psicologico dell'intelligenza come capacità di idealizzare; il problema dell'idealità delle infrastrutture della vita socio-politica nel contesto delle relazioni internazionali; la risposta della filosofia al bisogno storico di una comprensione concettuale e sistemica della realtà.
Rimane aperta la domanda se sia veramente possibile una scienza della realtà nella sua concretezza.

Paolo Giuspoli
insegna Filosofia teoretica presso le Università di Messina e Verona. In Italia e all'estero ha pubblicato numerosi studi e edizioni su Hegel e l'idealismo tedesco. Tra gli ultimi volumi pubblicati si segnalano: Hegel (con L. Illetterati e G. Mendola, 2010) e l'edizione della Scienza della logica: L'essere 1812 (con G. Castegnaro e P. Livieri, 2009).

Indice


Elenco delle abbreviazioni
Introduzione
Oltre la prospettiva trascendentale: l'idea di una "Scienza della logica"
(Scienza della logica e ontologia; La ragione nella prospettiva idealistica: l'eredità kantiana; Sulla comprensione razionale dell'oggetto; Realtà oggettiva e autocoscienza; Concretezza e razionalità; Considerazioni conclusive)
Idealità e oggettività nello sviluppo del soggetto
(La formazione spirituale del soggetto; Naturalmente idealisti; L'emersione dell'umano; La coscienza come idealità per sé essente; Vita autocosciente; L'emergere della ragione; Lo spirito dell'io; Conclusione)
Idealità ed eticità
(Approssimazione ai contenuti dell'eticità; Realtà e idealità degli "oggetti" della Filosofia del diritto; Generazione concettuale sistemica: logica dei fondamenti della vita comune; L'eticità (e il sacrificio dei singoli) nella storia; Conclusione)
La ridefinizione della filosofia come comprensione concettuale del reale
(Oltre l'arte; Rappresentazione religiosa e comprensione concettuale dell'assoluto; La filosofia come automediazione concettuale)
Epilogo
Bibliografia
Indice dei nomi.