Le sfide sociali dell'educazione
Autori e curatori
Contributi
Antonio Bellingreri, Angela Chionna, Luigi Pati, Loredana Perla, Antonia Rubini, Loretta Fabbri, Bruno Rossi, Agostino Portera, Simonetta Ulivieri, Tamara Zappaterra, Valeria Pirè, Domenico Simeone, Livia Cadei, Chiara Sità, Michele Baldassarre
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 232,   4a ristampa 2018,    1a edizione  2014   (Codice editore 249.1.8)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820462765

In breve
Il testo indaga ed elabora prospettive di intervento educativo esplorate nel complesso rapporto tra scelta, responsabilità ed esercizio della genitorialità, riguardo la comunicazione, problematizzata entro la costruzione di relazioni autenticamente umane, e nelle complesse questioni di una scuola inclusiva del singolo e delle personali identità.
Presentazione del volume

La radicalità dell'attuale crisi epocale segna i mondi dell'educazione del nostro tempo e conduce la riflessione pedagogica sul doppio "crinale" della necessità di prendere in esame i nuovi bisogni e dell'urgenza di trasformare in sfide educative le novità emergenti dalle criticità. Quale che sia il livello di intenzionalità e di formalizzazione, che caratterizza l'attuale partecipazione alla formazione dell'uomo, i sintomi del disagio rimandano ad analisi più puntuali dei processi educativi formali, informali e non formali, con l'esigenza di indagarli nella loro realtà sommersa e non del tutto assunta dall'agire educativo.
A tale scopo il volume si costruisce su una pedagogia come una scienza pratico-progettuale, direttamente riferita all'azione educativa, non prescrittiva, bensì orientativa e sostegno nell'elaborazione di progetti di intervento e di verifica della loro qualità.
L'accento viene posto, da parte dei singoli Autori, su un'attività di indagine sistematica delle sfide educative, internamente coerente ed empiricamente controllata, volta a comprendere i problemi posti dalla pratica educativa e orientata a individuarne le modalità di soluzione.
Nello specifico, attraverso tale orientamento di ricerca pedagogica, il testo indaga ed elabora prospettive di intervento educativo esplorate nel complesso rapporto tra scelta, responsabilità ed esercizio della genitorialità; riguardo la comunicazione, problematizzata entro la costruzione di relazioni autenticamente umane; nelle complesse questioni di una scuola inclusiva del singolo e delle personali identità. Un particolare interesse è riservato all'ampio mondo dell'educazione/formazione nel sociale, quale processo sostenuto dalla determinazione di professioni educative in grado di favorire la socializzazione delle conoscenze, l'apprendere e il conoscere nelle pratiche lavorative, la partecipazione politica, l'esercizio delle pari opportunità nella realtà interculturale, nelle differenze di genere, l'inclusione delle disabilità intellettiva, la sfida educativa dell'esperienza carceraria.

Giuseppe Elia è professore ordinario di Pedagogia generale, Pedagogia della comunicazione e Pedagogia speciale presso il Dipartimento di Scienze della formazione, psicologia, comunicazione dell'Università degli Studi "A. Moro" di Bari. Ha condotto studi e ricerche sul versante storico-pedagogico, della valutazione, della formazione di docenti e dirigenti scolastici, dell'integrazione dei soggetti disabili e delle problematiche di carattere istituzionale e socio-educativo. È autore di numerosi volumi, saggi e articoli pubblicati su riviste nazionali e internazionali. Fra le sue recenti pubblicazioni Questioni di pedagogia speciale. Itinerari di ricerca, contesti di inclusione, problematiche educative, Bari 2012, I giovani e l'educazione. Saggi di pedagogia (in coll.), Milano 2012, e le curatele Scuola e Mezzogiorno 2011, Percorsi e scenari della formazione 2011, Il contributo dei saperi nella formazione 2012, Bari.

Indice


Giuseppe Elia, Introduzione
Antonio Bellingreri, La sfida dell'educativo nella società liquida
(Un'epoca tarda; Giovani incerti; Un terreno fertile per le scelte morali)
Giuseppe Elia, Il contributo della pedagogia come sapere praticoprogettuale
(Premessa; L'educazione tra sapere pedagogico e saperi trasversali; La pedagogia come scienza pratico-progettuale; La pedagogia, arte e scienza dell'educazione; Una lettura pratica dell'educazione; La progettazione dell'azione educativa)
Angela Chionna, Scelta e responsabilità: le sfide educative del ventunesimo secolo
(La rilevanza attuale della responsabilità; Il primato delle scelte responsabili: una lettura pedagogica; Scelte responsabili in esercizio: l'educazione delle qualità umane)
Luigi Pati, Genitorialità e responsabilità educative
(Ruoli genitoriali e responsabilità sociali; La genitorialità come funzione educativa; Famiglia e responsabilità educativa; Responsabilità genitoriali e politica familiare)
Loredana Perla, Per una scuola inclusiva. Il punto di vista della didattica
(L'inclusione: sfida globale; Linee di didattica inclusiva)
Antonia Rubini, La struttura dialogica del discorso pedagogico tra comunicazione e libertà
(Premessa; La libertà tra necessità e alterità; La relazione nella ricerca dell'altro; La libertà come tensione alla solidarietà)
Loretta Fabbri, La formazione basata sull'apprendere e sul conoscere in pratica. Accompagnare lo sviluppo di comunità di pratica riflessiva
(Premessa; La formazione come promozione di traiettorie di partecipazione; La formazione come trasformazione; Per sviluppare comunità di pratica riflessiva; La formazione come transizione situata)
Bruno Rossi, Il lavoro
(Premessa; Esperienza umanistica; Primato delle persone; Cultura della formazione)
Giuseppe Elia, Antonia Rubini, Pedagogia e politica
(Premessa; Del rapporto tra pedagogia e politica; Percorsi di formazione coerenti e motivati)
Agostino Portera, La pedagogia intercultuale nel tempo del pluralismo
(Necessità e urgenza di interventi pedagogici interculturali; Sviluppo della pedagogia interculturale in Italia e in Europa; Riflessioni conclusive)
Simonetta Ulivieri, Genere ed educazione. Dal modello emancipazionista al modello della differenza
(Un secolo di conquiste; E venne il Sessantotto e il "neo-femminismo"; La pedagogia della differenza. Sorellanza e maestria delle donne)
Tamara Zappaterra, Disabilità intellettiva e inclusione. Il lavoro come self empowerment
(Il lavoro nella disabilità: dalla psichiatria alle istanze educative; L'inclusione lavorativa della persona con disabilità: dalla cura all'autodeterminazione; Il lavoro come strumento di self empowerment)
Valeria Pirè, Carcere ed educazione: nuove e vecchie sfide
(L'educazione in carcere: contraddizioni e retaggi; Carcere ed educazione possibile)
Domenico Simeone, Livia Cadei, Chiara Sità, Le professioni educative
(Premessa; Il mestiere di educatore; Una professione complessa in cerca d'identità; L'educatore tra engagement e burn-out)
Michele Baldassarre, La documentazione/socializzazione della conoscenza nella formazione tra opportunità e limiti
(Una premessa; La metafora della passeggiata nel bosco; Comunicazione, figurazione e trama narrativa; Dal caos al cyberspazio; Comunicazione digitale e cultura dell'inatteso; Nuova rappresentazione delle conoscenze; Usabilità del sapere on-line nei processi formativi; Documentare, narrare, condividere nei nuovi ambienti di apprendimento)
Riferimenti bibliografici.