Gli incarichi di funzione dirigenziale. Uno snodo cruciale nel rapporto fra politica ed amministrazione

Autori e curatori
Contributi
Bernardo Giorgio Mattarella
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 180,      1a edizione  2016   (Codice editore 300.73)

Gli incarichi di funzione dirigenziale. Uno snodo cruciale nel rapporto fra politica ed amministrazione
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25.00
Disponibilità: Limitata




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891740830
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891739278
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il volume riflette sui metodi di attribuzione e revoca degli incarichi dei dirigenti pubblici quale snodo cruciale nel rapporto fra politica e amministrazione, così come si sono andati delineando nei processi di riforma del pubblico impiego, non ultimo in quello appena iniziato con la l.n. 124/2015. Un tema di difficile soluzione in cui il protagonismo della politica non aiuta al rafforzamento del principio di separazione tra indirizzo politico-amministrativo e gestione e del conseguente regime di responsabilità dei dirigenti.

Presentazione del volume

In un momento in cui la politica richiede sempre maggiore discrezionalità nelle scelte da compiere, l'Autore riflette sui metodi di attribuzione e revoca degli incarichi dei dirigenti pubblici quale snodo cruciale nel rapporto fra politica ed amministrazione nei processi di riforma del pubblico impiego, non ultimo in quello appena iniziato con la l.n. 124/2015.
Si tratta di un tema difficile ed importante che - come sottolinea Bernardo Giorgio Mattarella nella sua prefazione - "si colloca al cuore del rapporto tra politica e amministrazione, nel punto di massima tensione tra le ragioni del merito e dell'imparzialità, da un lato, e quelle della rappresentanza politica e della responsabilità politica per l'amministrazione, dall'altro" ed in cui "non è facile trovare il corretto equilibrio tra queste esigenze, regolando gli incarichi dirigenziali in modo da assicurare una corretta trasmissione dell'indirizzo politico e una reale distinzione di responsabilità tra politica e dirigenza".
L'indagine condotta sotto molteplici profili - storico, costituzionale, privatistico - prende in esame gli interventi normativi e giurisprudenziali che hanno contribuito alla costruzione di un vero e proprio sistema di regole vincolanti non sempre in grado di eliminare alcuni tratti caratteristici di fiduciarietà che, rendendo arbitrario il potere di scelta della dirigenza, finiscono per influenzarne l'autonomia. Di qui l'importanza dell'opera interpretativa della giurisprudenza che, intervenendo su piani diversi - ora in qualità di custode della legittimità costituzionale delle norme ora di soggetto deputato al controllo degli atti di nomina - ha enucleato alcune regole fondamentali improntate ai princìpi della trasparenza e dell'imparzialità. Proprio questi princìpi, secondo l'Autore, rappresentano un parametro imprescindibile ed impermeabile rispetto a qualunque intento riformatore compreso quello in atto.

Maria Paola Monaco è ricercatrice di Diritto del lavoro e docente di Diritto del lavoro e della sicurezza sociale nell'Università degli Studi di Firenze. È autrice di articoli pubblicati su riviste scientifiche e volumi collettanei. Tra le sue pubblicazioni Modelli di rappresentanza e contratto collettivo (Giuffrè, 2003).

Indice

Bernardo Giorgio Mattarella, Prefazione
Fiduciarietà vs imparzialità nel conferimento dell'incarico di funzione dirigenziale
(La dirigenza pubblica tra politica e amministrazione. Un dialogo difficile; Il dibattito sulla natura dell'incarico dirigenziale e le sue ripercussioni sull'elemento fiduciario; Le conseguenze sulla giurisdizione; Le tipologie di "nomina" in base agli indicatori della fiduciarietà; Ulteriori esempi paradigmatici: la nomina del direttore generale e dei direttori sanitari ed amministrativi nella sanità; Fiduciarietà e nomina del direttore generale negli enti locali; L'attribuzione dell'incarico in relazione alle disposizioni organizzative delle singole amministrazioni. Il caso dell'Agenzia delle Entrate)
La procedura per il conferimento dell'incarico di funzione dirigenziale
(La procedura per il conferimento dell'incarico ed il rispetto dei criteri soggettivi ed oggettivi; Il limite di durata dell'incarico; Gli aspetti procedurali e in particolare il momento della valutazione comparativa; Il valore delle clausole generali con particolare riferimento ai princìpi di correttezza e buona fede quali canoni utili all'estrapolazione del principio di comparazione nella valutazione del candidato e al contempo limite alla fiduciarietà della nomina; L'importanza degli orientamenti della giurisprudenza contabile in sede di controllo; Il conferimento dell'incarico: diritto o possibilità?; Continuità di funzione ed inoperatività dell'art. 2103 c.c.; Autonomia sistematica del modello (conferimento e revoca) degli incarichi rispetto alla disciplina del procedimento amministrativo di cui alla l. 241/1990; La fiduciarietà negli incarichi conferiti ai soggetti esterni all'amministrazione; Gli incarichi dirigenziali a tempo determinato a personale esterno negli enti locali; ...e nelle regioni; La disciplina del rapporto giuridico del dirigente a tempo al momento della sua instaurazione e nelle fasi successive)
Il punto di rottura fra politica ed amministrazione: lo spoils system
(Il permanere del sintomo della fiduciarietà: la revoca dell'incarico; L'orientamento della Corte Costituzionale ispiratore del rigetto del trapianto del "sistema delle spoglie" nella c.d. terza riforma; Spoils system e mancata conferma: il testo del 2009 e la messa in relazione delle due fattispecie; Le riforme indirette: la legge di stabilità e le sue ripercussioni; I criteri della dirigenza apicale quale presupposto di legittimità dello spoils system nell'interpretazione della Corte Costituzionale sulle leggi regionali; Possibili forme di tutela per i dirigenti rimossi: tutela reale e riassegnazione dell'incarico; Le conseguenze derivanti dalla cessazione automatica degli incarichi dirigenziali disposta in applicazione di norme successivamente dichiarate incostituzionali)
Il nuovo equilibrio fra politica e amministrazione alla luce dell'attuale riforma
(La nuova organizzazione delle amministrazioni pubbliche all'ombra della riforma; L'antefatto; Dalla creazione del ruolo al governo del ruolo: il ruolo delle Commissioni e la nuova procedura di conferimento degli incarichi; I ruoli e la loro "alimentazione" futura; Il nuovo equilibrio fra politica ed amministrazione realizzato dalla riforma)
Bibliografia.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi