L'illusione in una sostanza. Storie di vita e rappresentazioni di dipendenza
Autori e curatori
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 128,      1a edizione  2019   (Codice editore 1152.39)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 16.50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891782854

In breve
Il volume si propone di indagare la rappresentazione sociale del fenomeno droga, cercando di conoscere il grado di consapevolezza che preadolescenti e adolescenti acquisiscono sugli effetti delle droghe sul cervello. Il testo analizza poi l’influenza esercitata sulle nuove generazioni dall’incontrollabile diffusione di canzoni i cui testi inneggiano all’uso e all’abuso di sostanze e si conclude con la presentazione di storie di vita di ospiti di comunità.
Presentazione del volume

Il fenomeno globale dell'uso di sostanze psicoattive è caratterizzato da continue trasformazioni che riguardano non solo gli aspetti connessi alla criminalità, incrementati dal mercato in Rete, ma anche dai molti contributi delle neuroscienze, che evidenziano come l'assunzione di sostanze possa provocare rilevanti disturbi di salute, anche di natura psichiatrica. In ambito sociale, educativo e riabilitativo sorgono crescenti interrogativi circa il grado di consapevolezza che preadolescenti e adolescenti acquisiscono in merito agli effetti delle droghe sul cervello e alla loro capacità di modellare il comportamento umano. Per indagare la rappresentazione sociale del fenomeno droga si è inoltre deciso di analizzare l'influenza esercitata sulle nuove generazioni dall'incontrollabile diffusione di canzoni i cui testi inneggiano all'uso e all'abuso di sostanze. In tal senso, si segnalano innovative proposte socio-educative, che provengono da adolescenti supportati e guidati da professionisti, i quali utilizzano i ritmi musicali attuali per veicolare messaggi di dissuasione nei confronti di ogni forma di dipendenza, affermando che la droga non solo è un'illusione, ma che comporta anche gravi danni per la salute, sovente irreversibili.
Il volume si conclude con la presentazione di storie di vita di ospiti di comunità, in cui sistemi di significati e stili di azione del singolo si intrecciano con vincoli e risorse sociali che intersecano le traiettorie di vita dei soggetti coinvolti. I nodi cruciali del passaggio dalle droghe leggere alle droghe pesanti o i problemi legati alla sfera emotiva e di salute dovuti all'abuso di droghe vengono ricostruiti attraverso un approccio biografico interpretativo. Viene quindi proposto un dettagliato repertorio gergale della dipendenza, raccolto durante gli incontri con gli ospiti stessi e rilevante per la ricostruzione dei vari percorsi di devianza caratterizzati, nella maggior parte dei casi, dal non detto, elemento su cui, in un'ottica di prevenzione, deve agire un'efficace progettualità socio-educativa.

Maria Adelaide Gallina insegna Sociologia generale presso i corsi di laurea in Scienze dell'Educazione e in Educazione professionale dell'Università degli Studi di Torino. Le attività di ricerca riguardano temi di sociologia della salute e il rapporto tra giovani e situazioni di devianza e rischio. Su questo tema ha pubblicato Dalla debolezza alla dipendenza. Comportamenti a rischio e uso di sostanze tra adolescenti e non solo (Carocci, 2013) e curato Dentro il bullismo. Contributi e proposte socio-educative per la scuola (FrancoAngeli, 2009).

Indice
Introduzione
Oltre il limite. Droghe o farmaci d'abuso?
(Generazioni postmoderne e senso del rischio; Abitudini rischiose e forme di dipendenza; Diffusione della dipendenza e differenze di genere; Gli effetti delle droghe sul cervello. Il ruolo della neuroscienza; Droghe e farmaci d'abuso. Falsi miti e rischi di uso; Doppia diagnosi e uso di sostanze; Stime del consumo di droghe. I dati dell'Osservatorio europeo; I nuovi mercati della droga: il deep web)
Tra piacere e divertimento. Una rappresentazione sociale del fenomeno droga
(La cultura del divertimento. Implicazioni sociali dell'uso di sostanze psicoattive; Modelli di identificazione e rappresentazioni mediali; Generi musicali e dipendenza; Miti e icone della musica da sballo; Messaggi e canzoni che inneggiano alla droga. "Non sono un ragazzo drogato, sono un ragazzo moderno"; Risvolti socio-educativi: agire per la prevenzione)
Storie di vita e di dipendenza. L'approccio biografico interpretativo
(Storie di vita. Una lettura sociologica attraverso il metodo biografico interpretativo; Presentazione della ricerca; "Sono stato un mascherone". Negazione dell'identità e famiglie conflittuali; "Non ce la faccio più". Distogliersi dai problemi, gestire emozioni e insoddisfazione; "Mi sentivo scartato dalla società". Pregiudizi, inganni, debolezze ed emarginazione; "Drogarsi è un modo per socializzare e farsi accettare". Il gruppo, l'accettazione e la ribellione; "Contavo le ore". Furti, spaccio e carcere; "E poi venne la stagione dei locali". Discoteche, concerti di musica hard rock; "L'illusione in una sostanza". Le conseguenze; "Iniziai a fumare". Azioni e situazioni; "Vie d'uscita". Comunità e Sert; "Era un gioco...". Dipendenza da gioco d'azzardo; "Prendere iniziative". Proposte di prevenzione della dipendenza)
Gerghi e linguaggi della dipendenza
Riferimenti bibliografici e sitografici.