Rivoluzione mobile. I cambiamenti sociali e di marketing introdotti dalle tecnologie mobili
Autori e curatori
Contributi
Simona Zanette
Argomenti
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 188,      1a edizione  2014   (Codice editore 244.1.65)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Questo libro ricostruisce l’ecosistema mobile (i device, le reti, le attività e i contenuti, tra cui le app), offre una definizione (che va ben oltre i soli artefatti tecnologici) ed evidenzia l’impatto sui consumi, il marketing e la comunicazione di marketing. Discute inoltre di come tutte le realtà professionali che popolano queste dimensioni stiano cambiando o dovrebbero farlo molto rapidamente.
Utili Link
Allure La vera rivoluzione sta nel mobile… Vedi...
Presentazione del volume

Dopo tanta attesa, il 2013 è stato l'anno della consacrazione del mobile, che in molti paesi ha superato i PC nelle vendite, negli accessi a Internet e nel tempo dedicato all'uso. Alla generazione dei Millenials, mobile-first già da anni, vanno affiancandosi strati sempre più consistenti di popolazione e aree del globo normalmente ai margini del progresso tecnologico.
Stiamo vivendo un nuovo salto evolutivo nella specie dell'homo digitalis, innescato da apparecchi che consentono a miliardi di persone di poter fare, sempre e dovunque, tutto ciò che precedentemente potevano fare solo in misura limitata e condizionata.
È la rivoluzione mobile!
La portata dei cambiamenti è enorme, ma la loro natura solo parzialmente decifrabile attraverso i segnali che vengono dalla società.
Nel mondo dei consumi, invece, parecchie indicazioni sono già emerse e dovrebbero risultare chiare a quanti, per interesse culturale o necessità professionale, vogliano coglierle e interpretarle. Fa sorridere vedere fuori da tanti negozi l'adesivo che proibisce di fare foto nel punto vendita, cioè una pratica destinata a diventare tanto normale come andare a fare shopping in compagnia. Il marketing deve capire a fondo le molteplici novità in atto, smettere di resistere loro o di ignorarle e cominciare a rispondere adeguatamente.
Questo libro ricostruisce l'ecosistema mobile (i device, le reti, le attività e i contenuti, tra cui le app), ne offre una definizione (che va ben oltre i soli artefatti tecnologici) e ne evidenzia l'impatto sui consumi, il marketing e la comunicazione di marketing. Descrive inoltre come tutte le realtà professionali che popolano queste dimensioni stiano cambiando o dovrebbero farlo molto rapidamente.

Roberto Brognara, Digital Strategist free lance e docente allo IULM di Milano in comunicazione d'azienda e mezzi digitali. Dopo aver esplorato, nella duplice veste di studioso e professionista, i fenomeni delle tv commerciali, di Internet, del web 2.0 e della tv digitale, è concentrato oggi sul mobile, nella sofferta convinzione che, tra tutti, sia il più importante.

Indice
Simona Zanette, Presentazione
Roberto Borgogna, Prefazione
Introduzione
Parte I. L'ecosistema mobile
Premessa alla Parte prima
I prodotti
(I PC portatili; I telefoni cellulari; Le console portatili; I media player; Le tecnologie wearable; Personal Navigation Devices ed eReader)
Le reti mobili
(Dall'analogico al digitale; Dalla voce ai dati; Alla velocità della mente; Il mobile cloud computing)
I contenuti e le "m" attività
(Le app; "m" come mobile; Definendo mobile)
Parte II. La mobile age
I cambiamenti sociali
(Nei consumi; Nei media; Gli stili mobile)
Cambiamenti nel marketing
(Visioni e strategie: una matrice)
La marcom
(Il sistema; I formati)
Verso un nuovo paradigma di marcom?