Per una regione medioadriatica: città, territorio, economia

Autori e curatori
Contributi
Bernardo Cardinale, Giacomo Cavuta, Fabrizio Ferrari, Barbara Grugnale, Piergiorgio Landini, Gerardo Massimi, Silvia Scorrano, Luca Zarrilli
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 256,   figg. 60,     1a edizione  2006   (Codice editore 304.5)

Per una regione medioadriatica: città, territorio, economia
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846480507

Presentazione del volume

Il volume prende origine dalla ricerca condotta nell'ambito del progetto nazionale Attori, reti e strategie nel "Mezzogiorno delle città": una nuova geografia urbana del territorio meridionale, ricostruendo, in maniera più dettagliata e con opportune integrazioni, la trama urbana e insediativa della regione del Medio Adriatico, alla luce dei cambiamenti imposti dagli scenari della globalizzazione, caratterizzati da forme sempre più spinte di divisione del lavoro e specializzazione selettiva.
La scelta di procedere con un approccio territoriale transcalare macroregionale, considerando unitamente la regione abruzzese-molisana identificata come ambito del Medio Adriatico, è motivata dalla necessità di una più attuale rappresentazione dell'evoluzione dei sistemi locali (le cui connessioni vanno al di là dei confini gerarchici istituzionali) e dalla contemporanea mancanza di un'analisi comparata formulata tra due territori, sostanzialmente simili nei caratteri geomorfologici e nella evoluzione delle vicende antropiche, rimasti storicamente uniti in una sola regione amministrativa fino al 1962.
Il volume raccoglie i saggi di diversi autori che, attraverso l'analisi delle più recenti trasformazioni socio-economiche e infrastrutturali, esaminate a partire dall'ultimo ventennio intercensuario, hanno contribuito a ridisegnare l'armatura urbana regionale considerata nella sua portata territoriale locale e nel suo livello di apertura globale, valutato in termini di competitività e di posizionamento strategico.
I risultati, se da una parte confermano la presenza di non pochi fattori omogeneizzanti i due assetti urbani, dall'altra evidenziano l'esistenza di ben più numerosi elementi di differenziazione, che portano a tratteggiare due distinti profili regionali: decisamente più dinamico, maturo ed equilibrato quello abruzzese; più improntato ai caratteri dell'immobilismo e della rarefazione demografico-funzionale quello molisano. Nel complesso, un profilo urbano ancora fortemente polarizzato su un' area, quella di Pescara-Chieti, le cui caratteristiche funzionali, infrastrutturali e istituzionali consentono, oggi, di proiettarla su traiettorie extraregionali a lungo raggio, di tipo strategico, soprattutto con riguardo ai nuovi scenari offerti dai Paesi della penisola balcanica.

Marina Fuschi è professore associato di Geografia economico-politica presso la Facoltà di Economia dell'Università "G. d'Annunzio" di Chieti-Pescara. Autrice di numerosi saggi, rivolge prevalentemente la sua attività di ricerca a tematiche di geografia urbana e geografia dello sviluppo regionale.

Indice



Marina Fuschi, Introduzione
Gerardo Massimi, Consistenza e dinamismo del carico demografico
(Premessa; Stato e tendenze della struttura demografica; L'ampiezza demografica dei comuni; Specificità dei capoluoghi di provincia; La trama insediativa nella sua composizione e distribuzione altimetrica e planimetrica; Le recenti tendenze conurbative; Stranieri e minoranze linguistiche; Conclusioni)
Bernardo Cardinale, Fabrizio Ferrari, Barbara Grugnale, La struttura produttiva urbana: continuità e trasformazione
(Evoluzione storica e differenziazioni regionali; Trama insediativa e sistema produttivo; Città e industria in Abruzzo: poli e imprenditorialità diffusa; Città e industria in Molise: una difficile identificazione urbana; L'esperienza dei distretti industriali in Abruzzo e Molise; Spessore terziario e ruolo urbano in Abruzzo; Debolezza urbana e rarefazione delle attività terziarie in Molise; Il terziario nel Medio Adriatico: un'analisi per comparti)
Piergiorgio Landini, La rete materiale
(Premessa; Le infrastrutture stradali; Le infrastrutture ferroviarie; Le infrastrutture portuali; Le infrastrutture aeroportuali; Il sistema intermodale; Gli scenari della programmazione)
Marina Fuschi, Armatura urbana e aspetti speciali: il ruolo dell'istruzione alta
(Premessa; Una ricostruzione temporale)
Marina Fuschi, Armatura urbana e aspetti sociali: il ruolo del profilo lavorativo
(Il quadro della popolazione attiva; La più recente evoluzione sociale)
Luca Zarrilli, Tessuto urbano e cultura: luci e ombre della dotazione
(L'offerta di formazione universitaria; La ricerca pura e applicata; La fruizione della cultura)
Silvia Scorrano, Il commercio estero, chiave di lettura di un sistema produttivo dualistico
(Dalla cantonalizzazione all'internazionalizzazione del sistema economico del Medio Adriatico; Un'analisi merceologica; I mercati di destinazione e di approvvigionamento; Considerazioni conclusive)
Giacomo Cavuta, Il fenomeno turistico: staticità vs evoluzione
(Premessa; Le risorse turistiche in Abruzzo; L'articolazione della domanda turistica in Abruzzo, a scala comprensoriale; Il turismo in Molise; Conclusioni)
Silvia Scorrano, Il "clima" di internazionalizzazione dello spazio regionale tra commercio estero e turismo
Marina Fuschi, Il sistema urbano nella regione del Medio Adriatico. Una lettura di sintesi attraverso l'Indice di Urbanità
(Metodologia di analisi; Risultati dell'applicazione)
Marina Fuschi, Bibliografia.