Il sociologo, le sirene e gli avatar

Contributi
Laura Arosio, Alessia Bertolazzi, Lucia Coppola, Anna Cossetta, Antonio Di Stefano, Gevisa La Rocca, Alessia Manca, Marco Pedroni, Alessandro Porrovecchio, Valentina Punzo, Elisabetta Risi, Nicola Strizzolo, Anna Zenarolla, Alessandro Zonin
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 256,      1a edizione  2012   (Codice editore 1042.65)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Il sociologo, le sirene e gli avatar
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820403645

In breve

Frutto del convegno “Il sociologo e le sirene. Nuovi paradigmi per la ricerca sociale”, il volume è dedicato al rapporto tra ricerca qualitativa e nuove tecnologie (Web 2.0 in particolare). Se la Rete ha favorito la contaminazione tra pratiche di ricerca di taglio “qualitativo” e “quantitativo”, complessità e caratteristiche della Rete pongono i sociologi di fronte alla necessità di inventare nuovi paradigmi o adeguare quelli già esistenti.

Presentazione del volume

Nel gennaio del 2011, a Milano, è stato organizzato un convegno dal titolo "Il sociologo e le sirene. Nuovi paradigmi per la ricerca sociale". In quella sede, che ha riservato ampio spazio ai contributi di ricercatori e ricercatrici "junior" e non accademici, l'oggetto di studio è stata la ricerca qualitativa, colta nelle sue varie e più attuali sfaccettature: il consolidamento delle pratiche di ricerca ad orientamento qualitativo; la ricomposizione tra "quali" e "quanti".
Le riflessioni emerse in quella occasione hanno dato vita a due testi: il primo, sulle pratiche di integrazione tra qualitativo e quantitativo, è intitolato Il sociologo, le sirene e le pratiche di integrazione ; questo, il secondo, interamente dedicato al rapporto tra nuove tecnologie e ricerca sociale.
In questo secondo volume ci si occupa del rapporto tra ricerca qualitativa e nuove tecnologie (Web 2.0 in particolare). Se, da un lato, la Rete ha favorito la contaminazione tra pratiche di ricerca di taglio "qualitativo" e "quantitativo", dall'altro, complessità e caratteristiche della Rete pongono i sociologi di fronte alla necessità di inventare nuovi paradigmi o adeguare quelli già esistenti.

Costantino Cipolla è professore ordinario di Sociologia presso l'Università di Bologna e presidente del corso di laurea triennale in Sociologia e del corso di laurea magistrale in Scienze criminologiche per l'investigazione e la sicurezza. Per i nostri tipi ha pubblicato: Cipolla C., Agnoletti V. (a cura di) (2011), La spendibilità della sociologia fra teoria e ricerca ; Cipolla C. (a cura di) (2011), I concetti fondamentali del sapere sociologico ; Cipolla C. (a cura di) (2012), Dal Mincio al Volturno. I due anni che fecero l'Italia .
Antonio de Lillo è professore ordinario di Metodologia della ricerca sociale e preside della Facoltà di Sociologia dell'Università di Milano-Bicocca. Coordina, insieme ad Alessandro Cavalli, le indagini nazionali IARD sulla condizione giovanile in Italia. Ha coordinato il dottorato in Sociologia applicata e metodologia della ricerca sociale, con sede amministrativa presso l'Università di Milano-Bicocca.
Elisabetta Ruspini insegna Sociologia presso l'Università di Milano-Bicocca. Tra i suoi interessi di ricerca: i processi di costruzione delle identità di genere e la ricerca gender-sensitive. Ha curato e scritto molti volumi e saggi sulle tematiche del genere, della genitorialità e della sessualità. Tra questi, per i nostri tipi: Cipolla C., Ruspini E. (a cura di) (2012), Prostituzioni visibili e invisibili .

Indice



Costantino Cipolla, Antonio de Lillo, Elisabetta Ruspini, Prefazione
Costantino Cipolla,
Alessia Manca, Introduzione
Laura Arosio, Antichi strumenti per moderne navigazioni: una riflessione sulla sociologia che fa uso di Internet
Alessia Bertolazzi,
Nicola Strizzolo, Tecniche e nuovi strumenti per la ricerca sociale online: lo studio Droga 2.0
Lucia Coppola,
Il trattamento dei dati nella ricerca qualitativa tra opportunità e rischi
Anna Cossetta,
Costruire e interpretare nuovi spazi di ricerca on-line
Antonio Di Stefano,
La debolezza dei campi culturali online. Field Theory e Social Network Sites: verso una possibile applicazione
Anna Fici, Valentina Punzo, Rischio e azione sociale. Il caso delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione
Gevisa La Rocca,
Software per l'analisi qualitativa e testi digitali. Un binomio oggi vantaggioso?
Alessia Manca,
Ricerca a fondamento biografico e blog: il caso dei malati oncologici
Marco Pedroni,
Il sociologo e le sirene digitali. Verso una generazione di sociologi nativi digitali?
Alessandro Porrovecchio,
Adolescenti, sessualità ed immaginario. Per una metodologia della ricerca sulla costruzione del Sé corporeo di genere
Elisabetta Risi,
Dimensioni e profondità dell'approccio etnografico in una ricerca empirica in rete
Anna Zenarolla,
Navigando verso il sistema informativo dei servizi sociali con la cartella sociale informatizzata
Alessandro Zonin,
Dalla pratica alla Grounded Theory. Ricerca qualitativa sull'implementazione di un sistema informativo
Note su autori e autrici.