Cibo per l'inclusione

Pratiche di gastronomia per l'accoglienza

Autori e curatori
Contributi
Furio Bednarz, Filippo Bignami, Antonella Campanini, Paolo Corvo, Michele Filippo Fontefrancesco, Cristina Franchini, Massimo Gnone, Carlo Petrini, Carol Povigna, Carlotta Sami
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 176,      1a edizione  2020   (Codice editore 1144.1.43)

Cibo per l'inclusione Pratiche di gastronomia per l'accoglienza
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891790583

In breve

Può il cibo diventare un motore di inclusione sociale per i rifugiati? Partendo dalla consapevolezza, centrale nella (co)scienza gastronomica, dello stretto legame che intercorre tra sostenibilità, cibo e salvaguardia della diversità umana, questo volume propone una riflessione interdisciplinare sul potenziale inclusivo di una formazione al cibo e alla gastronomia nei percorsi di accoglienza dei rifugiati.

Presentazione del volume

Partendo dalla consapevolezza, centrale nella (co)scienza gastronomica, dello stretto legame che intercorre tra sostenibilità, cibo e salvaguardia della diversità umana, questo volume propone una riflessione interdisciplinare sul potenziale inclusivo di una formazione al cibo e alla gastronomia nei percorsi di accoglienza dei rifugiati.
Attraverso una serie di riflessioni teoriche, che ci portano al cuore dell'umano, fatto di cibo, identità e migrazione, e la descrizione di buone pratiche di integrazione che passano per la gastronomia, il libro cerca di dare risposte ai seguenti quesiti: può il cibo diventare un motore di inclusione sociale per i rifugiati? Può la gastronomia rappresentare una sfera di pratica efficace nei processi di accoglienza, capace di favorire il recupero delle conoscenze materiali delle persone in fuga e, con ciò, restituire loro autonomia e capacità di scelta? Possono le scienze gastronomiche fornire nuova consapevolezza riguardo ai fattori alimentari correlati alla migrazione, ispirare soluzioni sostenibili a fenomeni sociali sempre più complessi e diventare il campo per un impegno sia individuale, che collettivo, nei confronti di quella sfida globale che è la migrazione forzata?

Maria Giovanna Onorati è professoressa associata di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, dove è anche Delegata del Rettore per le Politiche Antidiscriminatorie e di Inclusione. Ha realizzato numerosi studi e pubblicazioni sul tema dello sviluppo di competenze interculturali nei contesti del lifelong learning, in particolare nell'ambito del Vocational Education and Training.

Indice

Carlo Petrini, Prefazione
Maria Giovanna Onorati,
Introduzione
Parte I. Gli sfondi. Riflessioni teoriche per una gastronomia dell'inclusione
Maria Giovanna Onorati, La gastronomia come campo di empowerment e salvaguardia umana nei processi di resilienza e inclusione sociale dei rifugiati. Proposte per una sociologia della mobilità forzata
Cristina Franchini,
La funzione del cibo nei processi di empowerment delle persone rifugiate
Antonella Campanini,
Dalle identità alimentari agli scambi, e ritorno: il cibo come fattore d'integrazione
Filippo Bignami,
Il quadro geostrategico delle materie prime alimentari e del land grabbing: migrazione e prospettiva interpretativa delle dimensioni partecipativa e identitaria della cittadinanza
Parte II. I percorsi. Esperienze di ricerca e formazione di gastronomia e inclusione
Carlotta Sami, Premessa all'esperienza di Food for inclusion
Massimo Gnone,
I partenariati strategici per l'inserimento lavorativo dei titolari di protezione internazionale: l'esperienza di Food for inclusion
Maria Giovanna Onorati,
Ricette di agency. La formazione gastronomica come strumento di empowerment e capacitazione dei rifugiati. La ricerca etnografica nel progetto Food for inclusion
Carol Povigna, Pratiche gastronomiche per l'inclusione dei rifugiati. L'esperienza formativa di Food for inclusion
Paolo Corvo,
Michele Filippo Fontefrancesco, Narrazioni gastronomiche e scambio interculturale a scuola
Furio Bednarz,
Ristor'apprendo: costruire integrazione dei rifugiati lavorando in un'impresa sociale. Esperienze e lezioni da un progetto pilota nella Svizzera italiana
Gli Autori.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi