Design della comunicazione

La collana di Design della comunicazione nasce per far emergere la densità del tessuto disciplinare che caratterizza questa area del progetto e dare visibilità alle riflessioni che la alimentano e che ne definiscono settori, specificità, connessioni.
I SAGGI accolgono contributi teorici, le PROSPETTIVE presentano documenti riferiti a progetti di ricerca.

Collana Peer Reviewed

La ricerca ha estratto dal catalogo 23 titoli

Valeria Bucchetti, Francesca Casnati

Tracce di iper-in-visibilità

Rappresentazione e disparità di genere: uno sguardo sulla quotidianità

Gli studi raccolti nel volume riguardano diversi ambiti tematici, affrontati attraverso la doppia lente del design della comunicazione e degli studi di genere, che consentono di documentare alcuni territori del paesaggio mediatico critici, poiché caratterizzati da logiche progettuali che sottostanno al dominio maschile e che andiamo a osservare in profondità, al fine di rivelare i meccanismi che influiscono sulla stereotipizzazione dell’identità femminile.

cod. 10313.2

Salvatore Zingale

Design e alterità

Conoscere l'Altro, pensare il possibile

Anche al design può essere chiesto di intraprendere percorsi di ricerca che mettano in evidenza la necessità del riconoscimento dell’altro, perché artefatti e sistemi sono anche veicolo di visioni del mondo, credenze e pregiudizi culturali. Dai flussi migratori alle culture di genere, dalle fragilità sociali alla salute mentale, dalle distanze culturali all’integrazione sociale, l’alterità può essere tema e metodo di progetto.

cod. 10313.1

Valeria Bucchetti

Cattive immagini

Design della comunicazione, grammatiche e parità di genere

Il volume si interroga sui modi in cui il design della comunicazione sostiene il potere dell’androcentrismo, sulle relazioni tra cultura della parità e sul mondo della rappresentazione che andiamo a costruire. Attraverso la lettura di alcuni artefatti comunicativi viene analizzato il mondo delle immagini e fatti emergere gli elementi costitutivi di una memoria visiva di cui si nutrono tanto la nostra cultura quanto la nostra quotidianità.

cod. 313.3.9

Matteo Ciastellardi

Media Culture Design.

Introduzione alla cultura dei media per il design della comunicazione

Il volume tenta di identificare i caratteri progettuali che hanno scandito momenti di passaggio, cambiamento e innovazione nel tessuto sociale e nel Design. L’individuazione dei meccanismi e dei pattern alla base di questi fenomeni inscrive la cultura del progetto di comunicazione in una dimensione cooperativa tra discipline, innescando inedite connessioni... I contenuti mediali e i mezzi di comunicazione diventano così il punto di partenza per un Design che possa riflettere su sé stesso e sull’ibridazione delle sue possibilità critiche e operative.

cod. 313.3.7

Giovanni Baule, Valeria Bucchetti

Anticorpi comunicativi

Progettare per la comunicazione di genere

Un momento di sintesi sugli apporti che il design con le sue specificità offre alle culture di genere. Al centro del volume vi è il rapporto tra i fenomeni di stereotipizzazione dell’identità femminile e il sistema di progettazione, produzione, distribuzione e consumo delle immagini tramite i media analogici e digitali.

cod. 313.1.6

Ali Filippini

Il negozio conteso

Pubblicità e allestimenti commerciali nella costruzione del Moderno italiano: 1930-1950

Il volume ripercorre alcuni temi progettuali del negozio nella storiografia dell’architettura e del design a partire dalla seconda metà dell’Ottocento, sia in Europa sia negli Stati Uniti. Vengono così evidenziate le principali caratteristiche dell’architettura commerciale emerse in questi ambiti geografici e culturali, oltre alla letteratura che ha seguito il loro sviluppo. Il racconto è una rilettura critica delle vicende legate al progetto degli spazi della vendita o una sua riconsiderazione alla luce di episodi e indagini curatoriali emerse negli ultimi vent’anni.

cod. 313.3.10

Valentina Manchia

Il discorso dei dati

Note semiotiche sulla visualizzazione delle informazioni

Nell’era dei big data la visualizzazione delle informazioni è diventata un fenomeno di massa, che spesso però guardiamo distrattamente o non vediamo affatto. Questo libro vuole porre l’attenzione sulle specifiche modalità di messa in discorso dei dati in esempi anche molto diversi tra loro: dall’Isotype all’infografica contemporanea, tra rappresentazione e visualizzazione dei dati; da alcune installazioni digitali interattive alla contaminazione tra media, come nella photoviz; dal giornalismo dei dati alla retorica della trasparenza negli open data.

cod. 313.3.8

Valeria Bucchetti

Progetto e culture visive.

Elementi per il design della comunicazione

Il volume pone al centro alcuni nuclei disciplinari del Design della comunicazione, ciascuno dei quali riveste la funzione di snodo della conoscenza che connette il design della comunicazione ad altre aree del sapere (semiotica, percettologia, fenomenologia, …), disegnando un fitto tessuto a sostegno del campo di studio.

cod. 313.1.9

Giovanni Baule, Elena Caratti

Design è Traduzione.

Il paradigma traduttivo per la cultura del progetto. "Design e Traduzione": un manifesto

Nell’ambito del Design della Comunicazione saper tradurre vuol dire rendere accessibili i contenuti di un processo di comunicazione, individuando la forma di espressione più pertinente per un nuovo medium e nuovi formati. La ricerca sul modello traduttivo è la ricerca sulle modalità della comunicazione progettata in un universo sempre più interlinguistico e interculturale, fatto di molteplici culture, supporti, sistemi, linguaggi che convivono e dialogano tra loro.

cod. 313.3.5

Salvatore Zingale

Interpretazione e progetto

Semiotica dell'inventiva

A partire dall’interpretazione, il volume indaga il tema dell’inventiva e della sua forma logica e semiotica: l’abduzione, la capacità di ipotizzare scenari possibili e plausibili.

cod. 313.3.2