Volontariato post-moderno. Da Expo Milano 2015 alle nuove forme di impegno sociale
Autori e curatori
Contributi
Marta Bonetti, Riccardo Guidi, Michela Lenzi, Elena Marta, Anna Maria Meneghini, Antonella Morgano, Maura Pozzi, Massimo Santinello, Sandro Stanzani
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 158,      1a edizione  2016   (Codice editore 1130.326)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891743039
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891747105
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Oltre 4.000 persone, in gran parte giovani, hanno partecipato come volontari al grande appuntamento milanese di EXPO 2015. Questa ricerca ne ha approfondito i caratteri biografici, le motivazioni, le modalità di contatto con la proposta, i livelli di soddisfazione, le disponibilità all’impegno nel futuro. Ne è emerso il profilo di un volontariato post-moderno, non necessariamente contrapposto a quello continuativo e mediato da appartenenze associative, ma più propenso a forme d’impegno flessibili, concentrate nel tempo, scarsamente formalizzate.
Utili Link
Redattoresociale.it Recensione… Vedi...
Giornale di Brescia Nuove forme di impegno sociale… Vedi...
laRepubblica.it Volontariato post moderno è "episodico" (di Stefano Pasta)… Vedi...
Presentazione del volume

Tre milioni di italiani s'impegnano, secondo l'ISTAT, in forme di volontariato non organizzato. Mentre finora fare volontariato ed essere membro di un'associazione erano in pratica dei sinonimi, stanno emergendo forme di cittadinanza attiva e d'impegno sociale non più mediate da appartenenze associative. Si tratta soprattutto di mobilitazioni brevi, puntuali, legate a singoli eventi o ad appelli per cause ben precise: fenomeni finora trascurati da un dibattito che negli ultimi anni si è concentrato soprattutto sulla crisi delle forme di volontariato tradizionali.
In questo panorama si è inserito il fenomeno della partecipazione di migliaia di volontari, in gran parte giovani, al grande appuntamento milanese di Expo Milano 2015. CSVnet e Ciessevi, per non disperdere il patrimonio di vissuti e stimoli che l'esperienza del volontariato in Expo ha rappresentato, hanno incaricato un'équipe di docenti e ricercatori di condurre una ricerca su questa esperienza.
La ricerca ha approfondito i caratteri biografici, le motivazioni, le modalità di contatto con la proposta, i livelli di soddisfazione, le disponibilità all'impegno nel futuro dei volontari. La ricerca ha fatto ricorso a questionari strutturati, somministrati on line pre-esperienza, post-esperienza e a qualche mese di distanza (follow-up). Ai questionari si sono aggiunte interviste in profondità che hanno esplorato il punto di vista dei partecipanti e altre che hanno analizzato i processi organizzativi.
In sintesi, giovani, istruiti, donne, sono stati i tratti biografici prevalenti dei volontari di EXPO Milano 2015.
Scaturisce nel complesso il profilo di un volontariato post-moderno, non necessariamente contrapposto a quello continuativo e mediato da appartenenze associative, ma più propenso a forme d'impegno flessibili, concentrate nel tempo, scarsamente formalizzate. Curiosità, interesse personale, ricerca di benefici soggettivi salgono alla ribalta, ma si combinano in vario modo con senso civico, cittadinanza attiva, spirito di servizio.
La ricerca è stata diretta da Maurizio Ambrosini. Vi hanno preso parte con vari apporti Marta Bonetti e Riccardo Guidi (Università di Pisa), Anna Maria Meneghini, Antonella Morgano e Sandro Stanzani (Università di Verona), Elena Marta e Maura Pozzi (Università Cattolica Milano), Michela Lenzi e Massimo Santinello (Università di Padova).

Maurizio Ambrosini è docente di Sociologia nell'Università degli studi di Milano.

Indice
Stefano Tabò, Prefazione. Fare volontariato: un utile contagio
Ivan Nissoli,
Prefazione. Il volontariato: da Expo Milano 2015
Maurizio Ambrosini,
Introduzione. Perché il volontariato episodico ci interpella: l'esperienza di Expo Milano 2015
Marta Bonetti,
Riccardo Guidi, Organizzare il volontariato "post-moderno". Sfide e prospettive a partire dal Programma "Volontari per Expo Milano 2015"
Anna Maria Meneghini, Antonella Morgano, Sandro Stanzani, Maura Pozzi, Elena Marta, Michela Lenzi,
Massimo Santinello, Il volontariato episodico per grandi eventi e i volontari a Expo Milano 2015
Elena Marta, Anna Maria Meneghini, Antonella Morgano, Maura Pozzi,
Michela Lenzi, Perché lo fai? Le motivazioni e le ragioni dei volontari a Expo Milano 2015
Antonella Morgano,
Sandro Stanzani, La cultura civile delle nuove forme di volontariato
Anna Maria Meneghini, Antonella Morgano,
Dopo Expo Milano 2015: soddisfazione ed esiti nel mondo dell'impegno sociale
Maura Pozzi, Antonella Morgano,
Anna Maria Meneghini, Un solo mondo, visioni diverse? La rappresentazione del volontariato da parte dei partecipanti a Expo Milano 2015
Elena Marta, Anna Maria Meneghini, Antonella Morgano, Sandro Stanzani,
Maura Pozzi, Che cosa insegna l'indagine quantitativa sui volontari a Expo Milano 2015
Antonella Morgano,
Essere volontari in un grande evento. La parola a 31 protagonisti di Expo Milano 2015
Maurizio Ambrosini,
Conclusioni. L'emergere di un volontariato post-moderno
Gli autori.