Spazi pubblici

Progettare la dimensione pubblica della città contemporanea

Autori e curatori
Contributi
Giovanni Maciocco
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 144,      1a edizione  2009   (Codice editore 1126.25)

Spazi pubblici. Progettare la dimensione pubblica della città contemporanea
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856815887
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856821291
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Contro l’uso strumentale del concetto di pubblico, il volume sostiene che occorre restituire valore etico al progetto dello spazio pubblico, nel senso che ogni azione progettuale deve assumere la consapevolezza del ruolo che svolge nell’indirizzare il destino personale e collettivo, nel porre le basi per nuove forme di convivialità e ricostruire il legame sempre più labile tra la realtà e la sua rappresentazione.

Utili Link

Territorio Recensione (di Francesco Chiodelli)… Vedi...

Presentazione del volume


Pubblico
è parola dai molteplici significati. Prendere coscienza di questa polifonia è il primo passo verso una progettazione consapevole degli spazi pubblici della città, percepiti e rappresentati spesso come insicuri, degradati, abbandonati.
Tra gli elementi di crisi dello spazio pubblico vi è l'uso strumentale del concetto di pubblico per sostenere programmi politici e progetti urbani, difendere mutamenti sociali e legittimare trasformazioni spaziali. Per questo occorre restituire valore etico al progetto dello spazio pubblico, nel senso che ogni gesto, ogni azione progettuale a tutte le scale, deve assumere la consapevolezza del ruolo che svolge nell'indirizzare il destino personale e collettivo, promuovere la conoscenza e il confronto fra individui, porre le basi per nuove forme di convivialità e ricostruire il legame sempre più labile tra la realtà e la sua rappresentazione.
Ciò significa prendersi cura di uno spazio che è sempre stato e continuerà ad essere una risorsa preziosa capace di sostenere i processi evolutivi della città e riconoscere lo spazio stesso come una componente fondamentale della sfera pubblica, del vissuto urbano e soprattutto della vita democratica della società.

Enrico Cicalò svolge attività didattica e di ricerca presso la Facoltà di Architettura di Alghero. Dopo la laurea in Ingegneria a Cagliari e la specializzazione allo IUAV di Venezia, ha conseguito il dottorato di ricerca in Progetto Ambientale dello Spazio presso il Dipartimento di Architettura e Pianificazione dell'Università degli Studi di Sassari. È stato visiting researcher presso la Bartlett School of the Built Environment dell'University College of London. I suoi interessi di ricerca si focalizzano sul tema della progettazione dello spazio e in particolare sulle relazioni tra l'azione progettuale e i processi di percezione, rappresentazione e comunicazione.

Indice



Giovanni Maciocco, Occhi diversi dai nostri
Introduzione
(Progettare la dimensione pubblica della città contemporanea; Discorsi sullo spazio pubblico)
Un terreno comune per lo spazio pubblico
(Il pubblico; L'opinione pubblica; La sfera pubblica;Lo spazio pubblico; La città pubblica; La vita pubblica)
Luoghi comuni sullo spazio pubblico
(Il declino; L'invenzione; La rinascita; L'utopia;)
Per una causa comune dello spazio pubblico
(Ricalibrare i concetti; Riorientrare lo sguardo; Ripensare il progetto)
Bibliografia.