Come sopravvivere alla terapia familiare: l’integrità del terapeuta

Titolo Rivista: RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE
Autori/Curatori: Camillo Loriedo
Anno di pubblicazione: 2006 Fascicolo: 24 Lingua: Italiano
Numero pagine: 16 P. 5-20 Dimensione file: 213 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

The Systemic Professional Syndrome is described, in which the therapist begins the therapeutic process with great determination and directivity, but after a few session a model of behavior takes place that tends to be not lses passive than the psychoanalitic one, while a strong involvement with the family and its members gradually develops. Some suggestion are given to survive to this extreme involvement that families are able to produce, and that can put a systemic therapist at risk of burnout. A number of different approaches that could increase the family participation to the different therapeutic phases and diminuish the pressure placed on the therapist to induce a dramatic and immediate therapeutic change are presented. The principles and the techniques of therapeutic non-therapy will be illustrated Key words: systemic therapist, family therapy, burnout, therapeutic non-therapy

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Camillo Loriedo, Come sopravvivere alla terapia familiare: l’integrità del terapeuta in "RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE " 24/2006, pp 5-20, DOI: