La securitizzazione e le politiche europee in materia di asilo e rifugiati

Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI
Autori/Curatori: Roger Zetter
Anno di pubblicazione: 2009 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 19 P. 7-25 Dimensione file: 504 KB
DOI: 10.3280/MM2009-003001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Anche se il numero di rifugiati e richiedenti asilo che fanno ingresso in Europa è diminuito rispetto al picco raggiunto all’inizio di questo decennio, il volume delle domande è ancora significativo e la questione è ancora di alta rilevanza sia a livello dei singoli Stati membri che della Commissione e dell’Unione Europea. Il processo di armonizzazione delle politiche di asilo e immigrazione e lo sviluppo della Diret-tiva sulle Qualifiche riflette il continuo impegno a "gestire" le migrazioni o almeno questo settore dell’immigrazione verso l’Europa. Questo articolo esplora i modi contraddittori attraverso cui la sicurezza umana dei rifugiati e dei richiedenti asilo in Europa si è intrecciata con politiche di più ampio respiro in competizione tra loro. Si sostiene che i bisogni di sicurezza di questa particolare categoria di persone sono stati inseriti nella più ampia cornice della gestione interna ed esterna delle migrazioni per salvaguardare il primato del mercato unico europeo. Allo stesso modo, le minacce esterne alla sicurezza europea poste da migranti e rifugiati/richiedenti asilo in particolare - una minaccia che risulta essere soprattutto percepita e simbolica, piuttosto che reale - sono state snaturate per sostenere una retorica politica e un’agenda nazionale e sovranazionale che subordina i bisogni di sicurezza dei rifugiati in nome del più alto imperativo della "securitizzazione". Fondate sulla paura crescente nei confronti dell’ "altro", entrambe queste traiettorie - sicurezza umana e securitizzazione - sono andate a detrimento delle persone che hanno più bisogno di protezione. L’articolo analizza queste tendenze, le dinamiche contraddittorie tra interessi nazionali e sovranazionali, e le conseguenze per le per-sone messe a rischio a causa di queste politiche e di questi processi.

  • Mare nostrum? Michelangelo Pascali, in MONDI MIGRANTI 2/2015 pp.237
    DOI: 10.3280/MM2015-002010
  • La tridimensionalità delle politiche di integrazione: il processo di policy making nell'era dell'Europeizzazione Gaia Testore, in MONDI MIGRANTI 1/2018 pp.67
    DOI: 10.3280/MM2018-001004

Roger Zetter, La securitizzazione e le politiche europee in materia di asilo e rifugiati in "MONDI MIGRANTI" 3/2009, pp 7-25, DOI: 10.3280/MM2009-003001