I migranti forzati in Puglia tra campi di accoglienza e progetti territoriali per l’integrazione: il centro di Borgo Mezzanone

Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI
Autori/Curatori: Pasquale Russo
Anno di pubblicazione: 2009 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. 99-112 Dimensione file: 451 KB
DOI: 10.3280/MM2009-003006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La presenza di migranti forzati nella regione Puglia è un fenomeno che dal secondo conflitto mondiale si è esteso sino ad oggi con modalità e dinamiche in parte simili, in parte mutate dalle politiche nazionali ed europee. Per comprendere la presenza e l’accoglienza posta in essere dalle istituzioni italiane in Puglia in favore dei richiedenti asilo è opportuno analizzare le modalità di accoglienza sul piano nazionale nel periodo compreso tra la fine del secondo conflitto mondiale ed oggi. I centri di accoglienza per richiedenti asilo (CARA) odierni sono il frutto di poltiche nazionali decennali legate all'emergenza. Per comprendere la funzione dei CARA si guarderà al centro di Borgo Mezzanone in provincia di Foggia. I CARA. sono concepiti come strutture di sosta temporanea per i richiedenti asilo e al loro interno gli asilanti permangono molto spesso sino all'enventuale riconoscimento di una protezione internazionale. Conseguenzialmente i centri di accoglienza si traformano da luoghi di emergenza per soste temporanee, in "abitazioni" inadatte a tutti i suoi ospiti e particolarmente alle categorie vulnerabili: minori, anziani, disabili. Con l'eventuale riconoscimento della protezione internazionale solo il Servizio di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR), dal 2002, offre un modello di accoglienza agganciato a standard europei. Per i restanti migranti forzati non accolti dallo SPRAR si verifica un difficile percorso di integrazione viziato da un "oblio" istituzionale.

Pasquale Russo, I migranti forzati in Puglia tra campi di accoglienza e progetti territoriali per l’integrazione: il centro di Borgo Mezzanone in "MONDI MIGRANTI" 3/2009, pp 99-112, DOI: 10.3280/MM2009-003006