Videostimolazione sessuale e potenziali cognitivi: uno strumento per la diagnosi del disturbo del desiderio sessuale

Titolo Rivista: RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA
Autori/Curatori: Vania Rugiero, Lorys Castelli, Sergio Vighetti, Paola Perozzo, Ivan De Marco, Armando Balsamo, Piero Cantafio, Mariateresa Molo
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 12 P. 23-34 Dimensione file: 319 KB
DOI: 10.3280/RSC2012-002002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nonostante i moderni test per diagnosticare e valutare i disturbi sessuali, non esiste un test psicofisiologico obiettivo per valutare il desiderio sessuale. Studi precedenti suggeriscono che l’ampiezza dell’onda P300 decresce durante l’esposizione a video esplicitamente sessuali. <i>Materiali e metodi</i>: 20 soggetti sani e 20 con disturbo del desiderio sessuale, sono stati sottoposti a blocchi di stimoli uditivi con il paradigma <i>odd-ball</i>. La P300 uditiva è stata ottenuta mentre i soggetti guardavano videoclip di contenuto sessuale, sportivo e cartoons. <i>Risultati</i>: l’ampiezza e l’area della P300 uditiva decrescono significativamente durante la visione dei video. Nei soggetti sani il decremento della P300 è massimo durante la visione dei contenuti sessuali (p &lt; .001); soggetti affetti da Disturbo del desiderio mostrano invece un decremento dell’area e dell’ampiezza della P300 minore. <i>Conclusioni</i>: il cambiamento di ampiezza e area della P300 uditiva durante la visione di videoclip a contenuto sessuale, potrebbe essere utilizzata come misurazione dell’interesse sessuale del soggetto. Questo metodo potrebbe essere applicato sia per valutare l’efficacia di eventuali interventi terapeutici, sia come strumento di diagnosi per la valutazione di disturbi di desiderio sessuale.

Vania Rugiero, Lorys Castelli, Sergio Vighetti, Paola Perozzo, Ivan De Marco, Armando Balsamo, Piero Cantafio, Mariateresa Molo, Videostimolazione sessuale e potenziali cognitivi: uno strumento per la diagnosi del disturbo del desiderio sessuale in "RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA" 2/2012, pp 23-34, DOI: 10.3280/RSC2012-002002