Quando i cantautori fanno politica. Il caso cristicchi

Titolo Rivista: HISTORIA MAGISTRA
Autori/Curatori: Tamara Bellone, Andrea Martocchia
Anno di pubblicazione: 2013 Fascicolo: 13 Lingua: Italiano
Numero pagine: 7 P. 9-15 Dimensione file: 529 KB
DOI: 10.3280/HM2013-013002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

A musical show goes around at some Italian theatres, on the subject of Julian-Dalmatians leaving their homeland for Italy after 1947. The Author is a some Simone Cristicchi, who says to be a left-wing voter. The show has caused a bitter debate with anti-fascist Associations, as the Yugoslav government of the age appears to manage some form of ethnic prosecution, and also describes partisan movement as a gang of bribes. Cristicchi says to be also an honor member of ANPI: so, a number of ANPI associates asks to revoke the membership. However, the show, rather than the well-known viewpoint of right-wing parties, has a somewhat moralist allure. We will remind here that on Feb. 10th (the day of "Memory", in Italy) the Peace was signed with Yugoslavia (947).

Tamara Bellone, Andrea Martocchia, Quando i cantautori fanno politica. Il caso cristicchi in "HISTORIA MAGISTRA" 13/2013, pp 9-15, DOI: 10.3280/HM2013-013002