I comunisti e gli intellettuali: gli anni di "società"

Titolo Rivista: HISTORIA MAGISTRA
Autori/Curatori: Chiara Meta
Anno di pubblicazione: 2013 Fascicolo: 13 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. 76-89 Dimensione file: 555 KB
DOI: 10.3280/HM2013-013007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

The text is focused on the birth and the evolution of a Journal, «Società», founded soon after WWII by Marxist intellectual groups interested in a new cultural capable of both political militancy and cultural elaboration. This mix was to become the most recongnizable feature of the journal. This original feature meant that «Società» moved on thin ice during the Stalinist orthodoxy of "Zdanov years", since the journal did not want to be a mere party organ, but at the same time was determined to remain within the party sphere of Togliatti’s Pci. This dual function enabled the intellectuals of «Società», to launch the «Italian way to socialism» in cultural terms, which was done by issuing editorial projects aimed at building a national Italian version of Marxism capable of recruiting some of the most advanced groups of the democratic political thought.

  1. N. Aiello, Intellettuali e pci 1944-1958, Laterza, Roma-Bari 1979, pp. 142-43
  2. M. Alicata, Gli intellettuali e l’organizzazione della cultura, in «Società»., n. 1, 1949.
  3. M. Alicata, La corrente Politecnico”, in «Rinascita», n. 5-6, 1946, pp. 1-2
  4. N. Badaloni, Empirismo e Marxismo, in «Società», n.1, 1958, pp. 49-50.
  5. N. Badaloni, La contraddizione di Tommaso Campanella, «Società», n.2, 1952, pp. 254-63.
  6. A. Banfi, Leonardo e la civiltà moderna,in «Società» 1952, pp. 200-211.
  7. G. Berti, Bertrando Spaventa, A. Labriola e l’hegelismo napoletano, in «Società», n., 3, 1954, p. 411-12.
  8. R. Bianchi Bandinelli, A che serve la storia dell’arte antica?, in «Società» 1945, n.1-2, pp. 5-6:
  9. N. Bobbio, Politica e cultura,Torino, Einaudi 1955, p. 170.
  10. B. Bongiovanni, Gli intellettuali, la cultura e i miti del dopoguerra, in G. Sabbatucci, V. Vidotto (a cura di), Storia d’Italia, V, La Repubblica, Laterza, Roma-Bari 1997, pp. 441-42).
  11. F. Chiarotto, Operazione Gramsci. Alla conquista degli intellettuali nell’Italia del dopoguerra. Con un saggio di Angelo d’Orsi, Bruno Mondadori, Milano 2011, p. 92.
  12. M. Ciliberto, Filosofia e storiografia nella genesi di «Società» in Id., Filosofia e politica nel Novecento italiano. Da Labriola a «Società», De Donato, Bari 1982.
  13. L. Colletti, Il marxismo come sociologia, «Società», n.4,1959.
  14. L. Colletti, Intervista politico-filosofica, Laterza, Roma-Bari 1974, p. 6.
  15. L. Colletti, L’unità di teoria e pratica e il metodo della scienza, «Società», n. 4, 1953, p. 511.
  16. B. De Giovanni, Togliatti e la cultura meridionale, in F. De Felice (a cura di), Togliatti e il mezzogiorno. Atti del Atti del convegno tenuto a Bari il 2-3-4 novembre 1975, I, Editori Riuniti-Istituto Gramsci, Roma 1977, p. 289.
  17. E. De Martino, Intorno a una storia del mondo popolare subalterno, in «Società», n. 3, 1949, pp. 412-20.
  18. G. Di Domenico, Saggio su «Società». Marxismo e politica culturale nel dopoguerra e negli anni cinquanta, Liguori, Napoli 1979, pp. 23-26.
  19. E. Garin, Cronache di filosofia italiana,1900-1960, Laterza, Roma-Bari 1997³, II, p. 568.
  20. E. Garin, La polemica Vittorini-Togliatti e la linea culturale del pci nel 1945-47, Lavoro liberato, Milano 1974.
  21. V. Gerratana, Filosofia americana e filosofia europea, in «Società», n.3, 1951, p. 701.
  22. V. Gerratana, De Sanctis-Croce o De Sanctis-Gramsci, (appunti per una polemica), in «Società», n.3, 1952, pp. 498-499.
  23. P. Ginsborg, Storia d’Italia dal dopoguerra a oggi, Einaudi, Torino, 1989, pp. 189-193.
  24. G. Liguori, Gramsci conteso. Interpretazioni,dibattiti e polemiche, 1922-2012, Editori Riuniti, Roma 2012² (nuova ed. riv. e ampl.), pp. 70-71.
  25. C. Luporini, Da «Società» alla polemica sullo storicismo, in «Critica Marxista», n. s., 1993, n.6, pp. 5-35.
  26. C. Luporini, Intorno alla storia del “mondo popolare subalterno”, in «Società», n. 1, 1950, p. 96.
  27. C. Luporini, Rigore della cultura, in «Società», n. 4, 1946, p. 9.
  28. C. Luporini, Voltaire e le “Lettres Philosophiques”, «Società»., nn. 2,3,4, 1950.
  29. G. Manacorda, Così eravamo. L’esperienza di «Società», in Id. (a cura di), Il movimento reale e la coscienza inquieta. L’Italia liberale e il socialismo e altri scritti tra storia e memoria, FrancoAngeli, Milano 1992, pp. 248 e segg.
  30. G. Manacorda- C. Muscetta, Gramsci e l’unità della cultura, «Società»., n. 1, 1954, p. 1.
  31. C. Muscetta, Metello e la crisi del Neorealismo, in «Società», n. 4, 1955, pp. 602-3.
  32. C. Muscetta, Metello e il neorealismo, «Società»., n.3, 1956, pp. 608-20.
  33. M. Rossi, Lo storicismo mistificato della fenomenologia hegeliana”, in «Società»., nn. 4, 5, 1957.
  34. C. Salinari, Metello, in «Il Contemporaneo», 12 febbraio 1955.
  35. P. Togliatti, Lettera a Elio Vittorini, in «Rinascita», n. 10, 1946, pp. 3-4.
  36. P. Togliatti, Solenne inaugurazione del VI congresso del pci: la relazione di Togliatti, in «L’Unità», 6 gennaio 1948.
  37. G. Vacca, Alcuni temi della politica culturale di Togliatti (1945-1956), introduzione a I corsivi di Roderigo, interventi politico-culturali dal 1944 al 1964, De Donato, Bari 1976, pp. xxix-xxx.
  38. E. Vittorini, Una nuova cultura, in «Il Politecnico», n. 1, 1945.
  39. E. Vittorini, Una nuova cultura come cultura “sintetica”, in «Il Politecnico», n. 16, 1946.
  40. A. Vittoria, Togliatti e gli intellettuali. Storia dell’Istituto Gramsci negli anni Cinquanta e Sessanta, Editori Riuniti, Roma 1992, p. 28.
  41. Per una discussione su Metello, in «Società»., n. 5, 1955 e Opinioni su Metello e il neorealismo, «Società»., n. 6, 1955.
  42. Per il cinquantesimo di A. Labriola, in «Società», n.3, 1954, pp. 403.
  43. Fondazione Istituto Gramsci, Roma, Archivio del Partito comunista italiano, Sezioni di lavoro, “Commissione stampa e propaganda”, mf 110, 556-557, 2-3, 1946, p.1).

Chiara Meta, I comunisti e gli intellettuali: gli anni di "società" in "HISTORIA MAGISTRA" 13/2013, pp 76-89, DOI: 10.3280/HM2013-013007