Illuminismo conservatore e illuminismo radicale: il caso Italiano

Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA
Autori/Curatori: Girolamo Imbruglia
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 150 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. 773-780 Dimensione file: 507 KB
DOI: 10.3280/SS2015-150006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nei molti articoli di questo libro si mettono in luce alcune delle principali figure e questioni dell’illuminismo italiano attraverso il ricorso alle principali categorie storiografiche che hanno dominato la ricerca storiografica degli ultimi decenni: utopia e riforma, storia amministrativa e storia intellettuale; illuminismo radicale e illuminismo conservatore. La storia dell’illuminismo italiano che viene in tal modo presentata è, in un senso assai largo, una storia culturale e sociale del Settecento italiano, che ad un tempo, fa un utile bilancio del lavoro storiografico e apre prospettive di ricerca.

  1. Capra C. (2014), Gli italiani prima dell’Italia. Un lungo Settecento, dalla fine della Controriforma a Napoleone, Roma, Carocci.
  2. Dipper Ch. (1976), Politischer Reformismus und begrifflicher Wandel. Eine Untersuchung der historisch-politischen Wortschatzes der Mailänder Aufklärung (1764-1796), Tübingen, Max Niemeyer Verlag.
  3. Dipper Ch. (1982), Dispotismo e costituzione. Due concetti di libertà nell’illuminismo milanese, in Economia, istituzioni, cultura in Lombardia nell’età di Maria Teresa, a cura di A. De Maddalena, E. Rotelli, G. Barbarisi, 3 voll., Bologna, Il Mulino, vol. II, pp. 863-901.
  4. Dipper Ch. (2000), Despotie und Verfassung. Zwei Freiheitskonzepte der Mailänder Aufklärung, in Beiträge zur Begriffsgechichte des italienischen Aufklärung im Europäischen Kontext, a cura di H.J Jacobs e G. Schlüter, Frankfurt am Mein, Peter Lang, pp. 23-58.
  5. G. Imbruglia (2015), Scottish Enlightenment in Naples. History and political languages of reform, SVEC 2015:08, pp. 153-179.
  6. J.I. Israel (2001), Radical Enlightenment: Philosophy and the Making of Modernity, 1650-1750, Oxford, Oxford University Press.
  7. Luzzi S. (2009), Culture riformatrici nell’Italia del Settecento. Per una rilettura di Carlo Antonio Pilati e dei suoi modelli, in «Rivista storica italiana», CXXI, pp. 1073-1123.
  8. M.L. Pesante (1971), Stato e religione nella storiografia di Goettingen. Johann Friedrich Le Bret, Torino, Giappichelli.
  9. Phillipson N. (2010), Adam Smith, London, Yale University press.
  10. J.H. Plumb (1967), The Growth of Political Stability in England (1675-1725), London, McMillan
  11. Rao A.M. (1990), «Delle virtù e dei premi»: la fortuna di Beccaria nel Regno di Napoli, in Cesare Beccaria tra Milano e l’Europa, Milano-Roma-Bari, Cariplo-Laterza, pp. 534-586.

Girolamo Imbruglia, Illuminismo conservatore e illuminismo radicale: il caso Italiano in "SOCIETÀ E STORIA " 150/2015, pp 773-780, DOI: 10.3280/SS2015-150006