L’insostenibile leggerezza dell’autodichia degli organi costituzionali

Titolo Rivista: DIRITTO COSTITUZIONALE
Autori/Curatori: Aldo Sandulli
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 42 P. 87-128 Dimensione file: 267 KB
DOI: 10.3280/DC2018-003005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il saggio affronta criticamente il tema della speciale ed esclusiva giurisdizione (autodichia) che il Parlamento italiano ed altri organi costituzionali esercitano in molte e 87 diverse tipologie di controversie, normalmente soggette alla giurisdizione di corti vere e proprie. In particolare, l’Autore illustra compiutamente le interpretazioni formulate finora dagli studiosi, dalla Corte di cassazione e dalla Corte costituzionale, e svolge anche alcune riflessioni di diritto comparato, sollecitando una revisione delle convinzioni più diffuse circa la sopravvivenza di queste particolari ed eccezionali giurisdizioni.

Aldo Sandulli, L’insostenibile leggerezza dell’autodichia degli organi costituzionali in "DIRITTO COSTITUZIONALE" 3/2018, pp 87-128, DOI: 10.3280/DC2018-003005