Access to Justice e stranieri: l’effettività della tutela nella prospettiva pluri-ordinamentale

Titolo Rivista: DIRITTO COSTITUZIONALE
Autori/Curatori: Davide Strazzari
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 30 P. 157-186 Dimensione file: 237 KB
DOI: 10.3280/DC2018-003007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il tema dell’access to justice e della tutela giurisdizionale nell’ambito dell’immigrazione si presenta oggi con due profili fortemente intrecciati tra loro: da un lato, il riconoscimento anche allo straniero dei diritti fondamentali e, dall’altro, l’incidenza sulle regole procedurali nazionali dei principi ricavabili dall’UE e dalla CEDU in tema di giusto processo e di effettività del rimedio. Entrambi questi aspetti determinano un rafforzamento della discrezionalità del giudice, spingendolo a interpretare il diritto nazionale in conformità con il diritto dell’UE e, in caso, a disapplicarlo. Sebbene questo processo sia suscettibile di incidere sul principio della certezza del diritto, ciò sembra in qualche modo inevitabile anche se alcuni correttivi possono essere ipotizzati.

Davide Strazzari, Access to Justice e stranieri: l’effettività della tutela nella prospettiva pluri-ordinamentale in "DIRITTO COSTITUZIONALE" 3/2018, pp 157-186, DOI: 10.3280/DC2018-003007