Il testamento di Antonio de Ansisa. Un barone di Calascibetta devoto a San Nicola

Titolo Rivista: ARCHIVIO STORICO PER LA SICILIA ORIENTALE
Autori/Curatori: Clara Biondi Sambataro
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 20 P. 122-141 Dimensione file: 234 KB
DOI: 10.3280/ASSO2020-002008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La copia del testamento dell’Ansisa trova una sua giustificazione nella richiesta dell’abate, frate Pietro Rizzari, per conservare presso l’archivio del monastero, «nel timore che il quaderno in carta papiri in cui erano state annotate le sue ultime volontà si potesse, col trascorrere del tempo, deteriorare o disperdere», in quanto avrebbe costituito titolo giuridicamente valido per tutti i diritti vantati dal doppio monastero, nominato erede universale, sui beni in esubero, dopo che si sarà dato esecuzione alle ultime volontà del testatore.

Clara Biondi Sambataro, Il testamento di Antonio de Ansisa. Un barone di Calascibetta devoto a San Nicola in "ARCHIVIO STORICO PER LA SICILIA ORIENTALE" 2/2020, pp 122-141, DOI: 10.3280/ASSO2020-002008