Il Ministero della Transizione Ecologica e la sostenibilità dello sviluppo economico

Titolo Rivista: DIRITTO COSTITUZIONALE
Autori/Curatori: Luna Aristei
Anno di pubblicazione: 2022 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 26 P. 102-127 Dimensione file: 206 KB
DOI: 10.3280/DC2022-002007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Con la creazione del Ministero della Transizione Ecologica si assume una nuova consapevolezza sulla sostenibilità intesa non solo quale tutela dei fattori ambientali ma come vera e propria transizione verde. Tale concetto è il fulcro dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e del Green Deal comunitario che stabiliscono obiettivi green il cui perseguimento è stato recentemente rafforzato dai diversi strumenti finanziari comunitari. A livello nazionale, già gli strumenti di mercato consentivano di orientare i flussi economici verso pratiche "verdi" ma il recente Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza può essere ritenuto lo strumento economico necessario a contribuire alla transizione ecologica grazie anche al ruolo dello stesso Ministero.

Luna Aristei, Il Ministero della Transizione Ecologica e la sostenibilità dello sviluppo economico in "DIRITTO COSTITUZIONALE" 2/2022, pp 102-127, DOI: 10.3280/DC2022-002007