Clicca qui per scaricare

Agire in vista di. Il progetto come continuo presentarsi
Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE 
Autori/Curatori: Francesco Varanini 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 29 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  28 P. 124-151 Dimensione file:  295 KB
DOI:  10.3280/EDS2018-029011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nella letteratura dedicata al management, il project management bada soprattutto alla programmazione delle attività e al controllo del rischio. Il project manager è visto come un organizzatore, non come un innovatore. Eppure l’innovazione, necessaria ad ogni organizzazione, passa attraverso la capacità di progettare. E accade che il project manager, nei momenti difficili che ogni progetto attraversa, si trovi a dover adottare soluzioni non previste dai manuali, scoperte cammin facendo. Converrà dunque lasciare da parte la letteratura tecnica, per cercare invece il senso del progetto nella filosofia greca e nel testo biblico. Heidegger ci spinge a guardare la condizione dell’essere umano, gettato su un ter-reno sconosciuto, e quindi costretto a progettare. Hannah Arendt e Leopardi aggiungono elementi che portano ad intendere il progetto come capacità di cogliere il continuo presen-tarsi del nuovo. L’agire in modo nuovo è, per ogni persona impegnata nel progetto, un con-tinuo riprogettare se stesso


Keywords: Alétheia, design agile, ansia, apertura, Arendt, complessità, contingenza, progettazione, emergenza, programmazione estrema, filosofia, futuro, Geworfenheit, Heidegger, Leopardi, management, presente, progetto, project management, responsabilità, risolutezza, autoproiezione, lancio.

  1. Arendt H. (1958). The Human Condition. University of Chicago Press. Trad. tedesca: Vita active oder Vom tätigen Leben. Stuttgart: Kohlhammer, 1960. Trad. It.: Vita activa, traduzione di Sergio Finzi. Milano: Bompiani, 1964 (poi dall’ed. 1988: Vita aciva: la con-dizione umana).
  2. Beck K. (1999). Extreme Programming Explained: Embrace Change. Boston: Addison-Wesley.
  3. Beck K., Beedle M., Cockburn A., Cunningham W., Fowler M., Grenning J., Highsmith J., Hunt A., Jeffries R., Kern J., Marick B., Martin R.C., Mellor S., Schwaber K., Sutherland J., Thomas D., Van Bennekum A. (2001). Manifesto for Agile Software Development, Agile Alliance, http://agilemanifesto.org/.
  4. Bloch E. (1954, 1955, 1959). Prinzip Hoffnung. Berlin (Ost-Berlin): Aufbau-Verlag (tre vo-lumi). Trad. it. Il principio speranza, a cura di Remo Bodei. Milano: Garzanti, 1994.
  5. Bloch E. (1968). Atheismus im Christentum: Zur Religion des Exodus und des Reichs. Frankfurt am Main: Suhrkamp. Trad. it.: Ateismo nel cristianesimo. Per una religione dell’Esodo e del Regno. Milano: Feltrinelli, 1971.
  6. Boehm B.W. (1986). A Spiral Model of Software Development and Enhancement. ACM SIGRSOFT Software Engineering Notes, ACM, 11(4): 14-24, August., 10.1145/12944.1294DOI: 10.1145/12944.1294
  7. Boehm B.W. (1986). A Spiral Model of Software Development and Enhancement. IEEE Computer, IEEE, 21 (5): 61-72, May., 10.1109/2.59DOI: 10.1109/2.59
  8. FitzRoy R. (1863). The Weather Book: A Manual of Pratical Meteorology. London: Long-man, Green, Longman, Roberts, & Green. (Il libro è accessibile sul Web tramite Google Book).
  9. Heidegger M. (1927). Sein und Zeit. Halle an der Saale: Max Niemeyer. Ed it.: L’essere e il tempo. Trad. di Pietro Chiodi. Milano: Fratelli Bocca, 1953; L’essere e il tempo, a cura di Alfredo Marini (con testo originale a fronte). Milano: Mondadori, 2006.
  10. Hirschman A.O. (1967). Development Projects Observed. Washington: The Brookings Institution. Trad. it.: I progetti di sviluppo. Milano: FrancoAngeli, 1975.
  11. Leopardi G. (1825). L’infinito. In: Nuovo Ricoglitore. Milano, dicembre 1825. Poi in: Versi del conte Giacomo Leopardi. Bologna: Stamperia delle Muse, 1826. Quindi: Canti. Firenze: Piatti, 1831.
  12. Leopardi G. (1898-1900). Pensieri di varia filosofia e bella letteratura. Introduzione di Giosuè Carducci. Firenze: Le Monnier (7 voll.).
  13. Leopardi G. (1937-1938). Zibaldone di pensieri. A cura di Francesco Flora. Verona: Mondadori (2 voll.). Postumo.
  14. Leopardi G. (1998). Epistolario. A cura di F. Brioschi e P. Landi. Torino: Bollati e Boringhieri.
  15. Leopardi G. (2014). Zibaldone di pensieri. Nuova edizione tematica condotta sugli Indici leopardiani. A cura di Fabiana Cacciapuoti, con un Preludio di Antonio Prete. Roma: Donzelli.
  16. Malraux A. (1933). La Condition Humaine. Man’s Fate. New York H. Smith and R. Haas, 1934. Ed. it.: La condizione umana. Milano: Bompiani, 1934.
  17. Montagne M.E. de (1588). Essais. Paris: Abel Langelier.
  18. Morin E.(1972). L’événement-Sphinx. In: E. Morin (a cura di), Comminications. Trad. it.: L’avvenimento-Sfinge, in E. Morin, a cura di, Teorie dell’evento. Milano: Bompiani, 1974.
  19. Peirce C.S. (1903). Pragmatism and a Method of Right Thinking: The 1903 “Harvard Lectures on Pragmatism. Turrisi P.A., a cura di. Albany: State University of New York Press, 1997. Trad. It.: La logica dell’abduzione nelle Harvard Lectures on Pragmatism del 1903. In Maddalena G., a cura di: Scritti scelti. Torino: Utet. 2005.
  20. Perrot E. (Père) (2007). L’Art de décider en situations complexes. Paris: Desclée De Brouwer.
  21. Project Management Institute (PMI) (2017). Guide to the Poject Management Body of Knowledge (PMBOK Guide). Sixth Edition, Newtown Square, Pennsylvania, 5. Project Scope Management.
  22. Sennett R. (2008). The Craftsman. London: Allen Lane. Trad. it.: L’uomo artigiano. Milano: Feltrinelli.
  23. Severino E. (1983). A Cesare e a Dio. Milano: Rizzoli.
  24. Varanini F. (2009). La complessità del progetto: uno sguardo umanistico. In: Varanini F. e Ginevri W., a cura di, Il Project Management emergente. Milano: Guerini e Associati. Ed. inglese: Complexity in Projects: A Humanistic View. In: Varanini F. e Ginevri W. (eds.), Project and Complexity. Boca Ratón: CRC Press, 2012.
  25. Varanini F. (2011). Nuove parole del manager. 113 voci per capire l’azienda. Milano: Guerini e Associati. Voce: Responsabilità.
  26. Varanini F. (2016). Macchine per pensare. L’informatica come prosecuzione della filosofia con altri mezzi. Milano: Guerini e Associati.

Francesco Varanini, in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 29/2018, pp. 124-151, DOI:10.3280/EDS2018-029011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche