Hikikomori e anoressia: famiglie e identità fragili a confronto

Titolo Rivista: RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE
Autori/Curatori: Chiara Molinu
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 48 Lingua: Italiano
Numero pagine: 22 P. 75-96 Dimensione file: 284 KB
DOI: 10.3280/PR2018-048003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Questo articolo ha come obiettivo quello di esplorare il fenomeno giapponese degli hikikomori, una sindrome, individuata e descritta dallo psichiatra Tamaki Saito, che ha colpito l’Oriente fin dagli anni ’70: giovani ragazzi, generalmente di sesso maschile, che si autorecludono interrompendo le relazioni sociali, il lavoro e la scuola La sindrome degli hikikomori, definita "ulturale", negli ultimi anni si è diffusa in Europa e anche in Italia; questo ha portato l’autrice a esaminare i due contesti culturali e le strutture familiari, trovando molti parallelismi tra l’hikikomori e uno dei disturbi del comportamento alimentare più diffusi in Italia: l’anoressia. L’elaborato porta a una riflessione dal punto di vista sistemico relazionale dei due fenomeni e su come la famiglia stessa possa essere una risorsa efficace per il trattamento psicoterapeutico di questi disturbi.

  1. Aguglia E., Signorelli M.S., Pollicino C., Arcidiacono E., Petralia A. (2010). Il fenomeno dell’hikikomori: cultural bound o quadro psicopatologico emergente? Giornale Italiano di Psicopatologia, 16: 157-164.
  2. APA (2002). DSM-IV-TR. Milano: Masson.
  3. Beguin A. (1952). Qui est fou? Esprit. 20: 777-88.
  4. Bourke M.P., Taylor G.J., Parker J.D.A., Bagby R.M. (1992) Alexithymia in women with anorexia nervosa: a preliminary investigation. Br. J. Psych. 161: 240-3. DOI: 10.1192/bjp.161.2.240
  5. Crisp A.H. (1967). Anorexia Nervosa. Hospital Medicine. 713-718.
  6. De Matteis E., Toscano M. (2009). La filosofia ANA: il culto dei disturbi del comportamento alimentare su internet. Psicoterapeutinformazione. 4: 71-93.
  7. Di Iorio G., Cantarelli G. (2011). Nuovi paradigmi psicopatologici: il rapporto tra Internet Addiction Disorder e Hikikomori. Dip. Patol, 1: 23-26.
  8. DOI T., Saitou T. (2003). Amae e i giapponesi. Tokyo: Asashipress.
  9. Kato T.A., Tateno M., Shinfuku N. (2012). Does hikikomori syndrome of social withdrawal exist outside Japan? A preliminary international investigation. Soc Psychiatry Psychiatr Epidemiol. 47, 7: 1061-75.
  10. Koshiba Y. (2007). A study of family functioning in Hikikomori (Social withdrawal. 6: 95-101. DOI: 10.15027/28526
  11. Loriedo C., Picardi A. (2000). Dalla teoria generale dei sistemi alla teoria dell’attaccamento. Milano: Franco Angeli.
  12. Mastropaolo L. (2011). Nuove patologie adolescenziali o nuove emergenze sociali? L’hikikomori è solo giapponese? Terapia Familiare, 97: 31-55.
  13. Minuchin S., Rosman B.L., Baker L. (1978). Famiglie psicosomatiche. L'anoressia mentale nel contesto familiare. Roma: Astrolabio.
  14. Moretti S. (2010). Hikikomori, la solitudine degli adolescenti giapponesi. Rivista di Criminologia Vittimologia e Sicurezza, 4, 3: 41-48.
  15. Murphy-Shigematsu S. (2014). Hikikomori: Adolescence Without End. Cult Med Psychiatry, 38, 3: 512-513.
  16. Ricci C. (2008). Hikikomori: adolescenti in volontaria reclusione. Milano: Franco Angeli.
  17. Rubinstein E. (2016). Emplotting Hikikomori: Japanese parent’s narratives of social withdraw. Cult. Med. Psychiatry, 40, 4: 641-663.
  18. Saito T. (2013). Hikikomori. Adolescence without End. University of Minnesota Press.
  19. Ugazio V. (1998). Storie permesse, storie proibite. Polarità semantiche familiari e psicopatologie. Torino: Bollati Boringhieri.
  20. Zielenziger M. (2008). Non voglio più vivere alla luce del sole. Roma: Eliott.

Chiara Molinu, Hikikomori e anoressia: famiglie e identità fragili a confronto in "RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE " 48/2018, pp 75-96, DOI: 10.3280/PR2018-048003