Stato e Memoria. Studio di diritto comparato
Autori e curatori
Argomenti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 230,      1a edizione  2018   (Codice editore 1590.16)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,00
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Le pratiche memoriali in ambito pubblico rappresentano prima di tutto un’equa alleanza delle istituzioni tra il ricordo e l’oblio e costituiscono di per sé un atto politico. In questo senso il dovere di memoria, le scelte relative al se, cosa e come ricordare non preesistono alle decisioni politiche vincolandole; vincolano le scelte politiche perché sono esse stesse il frutto di una decisone rispetto al futuro identitario di una comunità che non può prescindere da un progetto di pacificazione con il passato.
Utili Link
il manifesto Il campo di sterminio non è un'attrazione da tour operator (di Jacopo Rosatelli)… Vedi...
Presentazione del volume

A volte sono le memorie a farsi "luogo", a volte è il luogo stesso a costituire di per sé una "memoria". Capita, infatti, che vi siano paesaggi profondamente modificati dalla mano dell'uomo, desideroso di fossilizzare, tra le pieghe del terreno, il ricordo di un evento o di un personaggio, sino a trasformare lo spazio in luogo; a volte, invece, è la forza evocativa di un luogo a essere talmente incontrastabile da imporre una memoria, al di là di ogni resistenza. Fare memoria, in particolare a livello istituzionale, presuppone uno sguardo al passato che sia teso al futuro in ottica integrativa. Ne consegue che non ogni semplice azione di recupero rappresenta di per sé un atto idoneo a "fare memoria". Un conto è limitarsi a rilevare il mero dato di fatto dello scorrere del tempo; altro è assegnare a eventi del passato un significato avendo la pretesa di una progettualità sociale. Le pratiche memoriali in ambito pubblico rappresentano prima di tutto un'equa alleanza delle istituzioni tra il ricordo e l'oblio e costituiscono di per sé un atto politico.
In questo senso il dovere di memoria, le scelte relative al se, cosa e come ricordare non preesistono alle decisioni politiche vincolandole; vincolano le scelte politiche perché sono esse stesse il frutto di una decisone rispetto al futuro identitario di una comunità che non può prescindere da un progetto di pacificazione con il passato.

Anna Mastromarino
insegna Diritto costituzionale comparato all'Università di Torino. Fra i suoi campi di ricerca vi sono lo studio delle formule di organizzazione territoriale, delle tecniche di gestione dei conflitti etnico-linguistici e dei processi di integrazione costituzionale. Ha pubblicato Il federalismo disaggregativo. Un percorso costituzionale nello stato multinazionale (2010); Belgio (2012).

Indice
Considerazioni introduttive
Il diritto alla verità nella prospettiva memoriale
(Verità e diritto; Il "diritto alla verità"; Verità e diritto positivo. Il caso colombiano; La ricerca della verità: la via giudiziaria; Le commissioni di verità; Gli archivi, custodi di verità?; Verità e Stato)
Fare memoria. Stato e memoria istituzionalizzata
(Fare memoria; L'arena memoriale; Crisi di rappresentanza, difetti di rappresentazione, sospetto di abuso; Derive memoriali; Memoria istituzionalizzata: alcuni limiti)
Forme e luoghi della memoria istituzionalizzata
(Forme, luoghi, memorie; Museo e memoria; Un museo a Predappio?; Memoria di pietra: i monumenti; El Ojo que Llora: monumento alle vittime della violenza in Perù)
Leggi per ricordare...
(Leggi e memoria; La natura giuridica delle leggi memoriali; La funzione normativo-promozionale delle leggi memoriali; Normativa memoriale, tra legittimità e opportunità; La legge spagnola di Memoria histórica)
... e leggi per dimenticare
(Memoria e oblio; Leggi di amnistia; Amnistia e democrazia)
Conclusioni (poco concludenti) che guardano al dialogo tra storia, diritto e memoria
Riferimenti bibliografici.