Breve storia delle Alpi tra clima e meteorologia
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 230,      1a edizione  2019   (Codice editore 123.3)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 29,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891781956
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 20,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891793133
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il volume tenta di scoprire le relazioni tra ambiente alpino, uomo e variabili climatiche nel corso del tempo, assumendo come arco cronologico di riferimento il periodo dal Medioevo alla Prima guerra mondiale, con accenni all’età antica. Uno sguardo a volo di uccello con l’obiettivo di fornire spunti mirati per un quadro d’insieme sull’emergere della questione climatica nel contesto alpino.
Utili Link
Trentino Le ALPI sono il migliore laboratorio climatico…(di Marco Benedetti)… Vedi...
La Stampa Così l'alta montagna diventerà abitabile (di Mario Bosonetto)… Vedi...
Messaggero Veneto Uno sguardo alle Alpi per capire che tempo farà (di Andrea Zannini)… Vedi...
Presentazione del volume

Alpi, clima, meteorologia. È da questi termini che bisogna partire per scoprire le relazioni tra ambiente alpino, uomo e variabili climatiche nel corso del tempo. L'arco cronologico di riferimento va dal Medioevo alla Prima guerra mondiale con accenni anche all'età antica. Uno sguardo a volo di uccello con l'obiettivo di fornire spunti mirati per un quadro d'insieme sull'emergere della questione climatica nel contesto alpino. L'attraversamento delle Alpi da parte di Annibale costituisce il punto di partenza per inoltrarsi in un percorso plurisecolare di approccio alle terre alte che, fattosi più intenso nei secoli del basso Medioevo, diviene essenziale per comprendere la storia dell'Europa a partire dal Cinquecento. Dopo una riflessione sulle dinamiche caratterizzanti la scoperta delle Alpi dal punto di vista ambientale, meteorologico e climatico attuata nel Seicento, la narrazione indaga la ridefinizione del mondo della montagna attuata dai philosophes settecenteschi e dai tecnici militari napoleonici e austriaci. Per poi proseguire con un'analisi degli studi prodotti in epoca positivista, con maggiore attenzione all'avvio delle osservazioni meteorologiche sistematiche, alla fondazione degli osservatori lungo tutto l'arco alpino nonché all'azione congiunta di enti nazionali (tra cui il Club Alpino Italiano) e sovranazionali per lo studio del clima. Un ultimo approfondimento tematico analizza la connessione fra Grande guerra e ambiente alpino nella sua accezione prevalentemente climatica.

Alex Cittadella Dottore di ricerca e cultore della materia in Storia moderna presso il Dipartimento di studi umanistici e del patrimonio culturale dell'Università di Udine. All'insegnamento delle materie letterarie negli Istituti superiori alterna la ricerca d'archivio e la divulgazione scientifica. Si occupa soprattutto di tematiche riguardanti la storia moderna, con particolare attenzione al contesto friulano e veneto, e la storia della scienza, con prevalente interesse per l'evoluzione dei saperi meteorologici e climatici. Ha al suo attivo diverse pubblicazioni scientifiche, saggi e curatele, tra cui la monografia Girolamo Venerio. Agronomia e meteorologia in Friuli tra Settecento e Ottocento (Trieste, EUT, 2016).

Indice
Introduzione
La percezione del clima alpino tra magia, religione e scienza: dall'età classica al Seicento
(Le Alpi prima delle Alpi: la conquista umana del clima alpino; I "monti candidi" nel De Alpibus Commentarius di Josias Simler; Pronostici meteorologici: le Alpi dei valligiani tra esseri magici, almanacchi e lunari, processioni e preghiere; Clima e paesaggio tra arte, percezione e leggende (XV-XVII sec.))
L'esplorazione scientifica delle Alpi durante l'Illuminismo
(La nascita di una scienza: la meteorologia fra Seicento e Ottocento; Alpi, meteorologia e clima: da Albrecht von Haller a Horace-Bénédict de Saussure; Vallate e vette alpine nei viaggi mineralogici di Vitaliano Donati; Un caso di studio: le Accademie venete e le ricerche climatiche; La scoperta dei ghiacciai; Il clima alpino nell'arte del Settecento)
Clima e meteorologia tra Rivoluzione e Restaurazione
(Le Alpi di Napoleone tra clima, eserciti e ingegneri; Tra clima e ghiacciai: da Ignatz Venetz a Louis Agassiz; La rappresentazione delle Alpi tra analisi scientifica, gusto romantico e pittoresco)
Lo studio delle variabili climatiche e meteorologiche in età positivista
(Dalle osservazioni alpinistiche al sistema meteorologico nazionale; Il Cai, le Alpi e il clima; Osservatori meteorologici in area alpina; La Società Alpina Friulana e l'esplorazione scientifica del territorio; Lo studio dei ghiacciai; Neve, ghiaccio, tempeste e temporali: le Alpi nell'arte del tardo Ottocento)
Clima alpino e Grande guerra
(Neve, ghiaccio e trincee; I rilevamenti meteorologici durante la Grande guerra; La guerra bianca tra Ortles, Cevedale e Adamello; Marmolada: la città di ghiaccio; Il freddo inverno nei diari e nelle lettere dal fronte)
Conclusioni
Bibliografia
Indice dei nomi
Indice dei luoghi.