Identità instabili. Vivere in una società incandescente
Argomenti
Livello
Dati
pp. 126,      1a edizione  2019   (Codice editore 11970.1)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: E-book
Possibilità di stampa:  Si
Possibilità di copia:  Si
Disponibilità Clicca qui per scaricare

Informazioni sulle pubblicazioni ad Accesso Aperto
Codice ISBN: 9788891794871

In breve
Rapidi cambiamenti stanno trasformando il mondo e alcuni di questi rappresentano il filo conduttore di questo volume. Potranno accadere conseguenze imprevedibili, drammatiche se non verranno messe in atto misure efficaci che possano invertire il corso distruttivo che la civiltà contemporanea sta seguendo e con cui stiamo minando le condizioni di esistenza di quella stessa civiltà. La sfida di questo volume, affrontando vari temi che spaziano dalla costruzione culturale della Norvegia moderna alla questione del surriscaldamento ideologico fino ai giovani, è quella di proporre una profonda riflessione rispetto alla nostra società.
Presentazione del volume

Molti fenomeni sembrano svilupparsi a grande velocità, come se fossero costantemente spinti dalla necessità di sorpassare se stessi. Rapidi cambiamenti stanno trasformando il mondo e alcuni di questi rappresentano il filo conduttore dei capitoli presenti in questo volume. L'Antropocene - l'era geologica dell'intervento umano - è diventata un'etichetta comune per descrivere il nostro tempo mentre le attività umane continuano a rimodellare l'ecologia del pianeta a velocità crescente. C'è un diffuso (ma non universale) accordo tra ricercatori e decisori politici secondo i quali potranno accadere conseguenze imprevedibili, drammatiche se non verranno messe in atto misure efficaci che possano invertire il corso distruttivo che la civiltà globale contemporanea sta attualmente seguendo e con cui stiamo minando le condizioni di esistenza di quella stessa civiltà. La sfida di questo volume, affrontando vari temi che spaziano dalla costruzione culturale della Norvegia moderna alla questione del surriscaldamento ideologico fino ai giovani, i cui mondi di vita vorticosi e "incandescenti" sembrano descriverli come una generazione "senza futuro", è quella di proporre una profonda riflessione rispetto alla nostra società. Solo assumendo questo compito, certamente gigantesco, è possibile fornire una comprensione credibile del mondo contemporaneo e produrre scenari non solo di paura ma anche di speranza.

Martina Visentin è ricercatrice a tempo determinato in Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi presso l'Università di Padova, dove insegna Introduzione alla Sociologia e Politiche Sociali. Il suo lavoro di ricerca riguarda l'innovazione nell'ambito delle politiche sociali, con particolare attenzione ai processi di governance nei servizi alla persona, alle pratiche dei professionisti del sociale e alle connessioni fra le culture di welfare e le transizioni alla vita adulta.

Thomas H. Eriksen
, antropologo norvegese, insegna Antropologia sociale all'Università di Oslo ed è il presidente della European Association of Social Anthropologists (EASA) e membro della Norwegian Academy of Science. Il suo lavoro è all'insegna della comparazione culturale e della multidisciplinarietà. Le sue ricerche sul campo, da Trinidad all'Australia alla Norvegia, si sono concentrate su numerose società etnicamente e culturalmente complesse.

Indice
Martina Visentin, Una premessa per il lettore
Martina Visentin, Vivere in un mondo incandescente. Introduzione all'antropologia del cambiamento accelerato
("Non esiste curva dove non si possa sorpassare"; Un inventario concettuale)
Thomas Hylland Eriksen, Essere norvegese in un mondo che rimpicciolisce. Riflessioni sull'identità norvegese
(L'invenzione attuale dell'identità norvegese. La creazione della Nazione norvegese; L'identità nazionale in un mondo che cambia; Dove si trova l'identità norvegese?)
Thomas Hylland Eriksen, Affastellamento verticale e continuità. Sui regimi temporali nella cultura popolare
Thomas Hylland Eriksen,
"Surriscaldamento ideologico": apertura e chiusura nel mondo del XXI secolo. Riflessioni a partire da un caso norvegese
(Surriscaldamento e identità sociale; L'attacco terroristico del 22 luglio; Conclusione. Ontologie politiche in conflitto)
Identità instabili nell'epoca del cambiamento accelerato: un approfondimento qualitativo
(Diventare adulti in Europa e in Italia. Una eterna lotta fra Davide e Golia; Identità surriscaldate. Verso un ideal tipo emergente?; Conclusioni)
Conclusioni
Thomas Hylland Eriksen e Martina Visentin, "Connecting the dots"
Bibliografia di riferimento.