Le convenzioni del lavoro, il lavoro delle convenzioni
Contributi
Sonia Bertolini, Christian Bessy, Marc Breviglieri, Federico Chicchi, François Eymard-Duvernay, Olivier Favereau, Giovanna Fullin, Giorgio Gosetti, André Orléan, Alessandro Pizzorno, Robert Salais, David Stark, Richard Swedberg, Laurent Thévenot, Charles Tilly
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 320,      1a edizione  2007   (Codice editore 1529.104)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846484246

Presentazione del volume

Nella seconda metà degli anni '80 è emerso in Francia un programma di ricerca finalizzato a rimettere al centro dell'economia politica le competenze normative delle persone: l'Economia delle convenzioni. Nel corso di questi vent'anni, l'Economia delle convenzioni è cresciuta notevolmente, coinvolgendo ricercatori e centri di ricerca ben al di là del primo ristretto gruppo di persone che la hanno fondata, suscitando un interesse crescente anche nel mondo anglosassone.
I fondatori del programma di ricerca hanno molta familiarità con la statistica e l'econometria, ed hanno lavorato a lungo sui processi storici di definizione delle categorie socio-professionali e dei criteri di codifica, partendo da una riflessione durkheimiana sui sistemi di classificazione. Ma a questo genere di riflessioni hanno accostato anche le acquisizioni più recenti sulle forme della razionalità, sul coordinamento in situazioni di incertezza radicale e sull'interpretazione delle regole nella vita economica. L'intreccio di tradizioni di analisi abitualmente tenute separate ha permesso di sviluppare una riflessione inedita sui criteri di valutazione (o "convenzioni") e di giocare, soprattutto in Europa ma progressivamente anche negli USA, un ruolo importante nel rendere riconoscibili e praticabili dei terreni di ricerca comuni fra economisti, storici e sociologi.
Questo volume intende iniziare un dialogo intenso e dialettico fra la scuola dell'Economia delle convenzioni e la Sociologia economica e del lavoro italiana.
L'introduzione (Borghi e Vitale) ricostruisce brevemente la storia dell'Economia delle convenzioni e ne mette in luce i punti di contatto con altre tradizioni di studio dell'economia come scienza politica e morale. La prima parte comprende un testo collettivo di presentazione del programma di ricerca e sei articoli inediti sia di ricercatori che hanno contribuito a fondare l'approccio (Eymard-Duvernay, Favereau, Salais, Thévenot) sia di ricercatori più giovani che hanno contribuito a sviluppare la prospettiva (Bessy, Breviglieri). Gli articoli di questa prima parte si concentrano specificamente su temi legati all'organizzazione del lavoro e al mercato del lavoro. Nella seconda parte, l'Economia delle convenzioni viene discussa criticamente da alcuni dei massimi esponenti del dibattito in sociologia (Pizzorno, Stark, Swedberg, Tilly). Nella terza parte, infine, alcuni giovani studiosi italiani di sociologia del lavoro (Bertolini, Chicchi, Fullin, Gosetti) discutono i limiti ed i possibili apporti dell'Economia delle convenzioni alla ricerca sociologica in tema di lavoro.

Vando Borghi lavora presso il Dipartimento di Sociologia dell'Università degli Studi di Bologna e insegna Sociologia dell'organizzazione e Sociologia dello sviluppo nella Facoltà di Scienze Politiche. Nelle sue ricerche si occupa di trasformazioni del lavoro, delle relazioni tra politiche del lavoro e politiche sociali, di trasformazioni delle organizzazioni e delle istituzioni pubbliche.

Tommaso Vitale, ricercatore di Sociologia generale presso il Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca, insegna Programmazione sociale e Sviluppo locale. Si occupa di programmazione delle politiche e dei servizi sociali, di movimenti e conflitti urbani e di cambiamento delle culture politiche.

Indice


Vando Borghi, Tommaso Vitale, Convenzioni, economia morale e analisi sociologica
Parte I. Convenzioni del lavoro: una prospettiva di ricerca
François Eymard-Duvernay, Olivier Favereau, André Orléan, Robert Salais, Laurent Thévenot, Valori, coordinamento e razionalità : il programma di ricerca dell'Economia delle convenzioni
Robert Salais, Convenzioni del lavoro, mondi della produzione e istituzioni: un percorso di ricerca
Laurent Thévenot, Organizzazione e potere. Pluralismo critico dei regimi di coinvolgimento
Olivier Favereau, L'Economia delle convenzioni e la teoria dei salari
François Eymard-Duvernay, Le convenzioni di qualità. Un'applicazione all'analisi della disoccupazione
Christian Bessy, La pluralità dei contratti di lavoro e gli usi del diritto
Marc Breviglieri, I gesti usuali: limiti all'agire convenzionale e fonti di arricchimento per le organizzazioni
Parte II. Economia delle convenzioni: una prospettiva in discussione
Richard Swedberg, Cosa può apprendere la sociologia economica dall'Economia delle convenzioni?
David Stark, Appello per una sociologia della grandezza
Charles Tilly, Un'altra prospettiva sulle convenzioni
Alessandro Pizzorno, Capitale sociale, reputazione, visibilità
Parte III. Contributi alla discussione: Economia delle convenzioni e sociologia delk lavoro in Italia
Giovanna Fullin, Strategie di reclutamento e diseguaglianze nel mercato del lavoro. Spunti di analisi a partire dall'Economia delle convenzioni
Federico Chicchi, Per un'analisi critica dell'Economia delle convenzioni: alcune brevi riflessioni sul suo statuto teorico e sul suo rapporto con la sociologia del lavoro
Giorgio Gosetti, La relazione fra organizzazioni e pianificazione: il contributo interpretativo dell'Economia delle convenzioni
Sonia Bertolini, L'utilità di un maggiore confronto tra l'Economia delle convenzioni e la sociologia: l'analisi della relazione di lavoro
Summaries.