Apprendimento e nuove tecnologie. Modelli e strumenti
Contributi
Alessandro Accardi, Stefania Aceto, Paola Olimpia Achard, Aureliana Alberici, Attila Bruni, Giuliano Caggiano, Valentina Castello, Mario Cusmai, Vittorio Dell'Aiuto, Vindice Deplano, Paolo Di Rienzo, Claudio Dondi, Paolo Ferri, Maria Rita Fiasco, Antonella Fiorenzani, Carlo Giovannella, Eleonora Guglielman, Marco Guspini, Domenico Lipari, Roberto Maragliano, Simona Marchi, Sara Miani, Claudia Montedoro, Claudio Moscogiuri, Fabio Nascimbeni, Dunia Pepe, Saverio Pescuma, Daniela Proli, Marco Recchioni, Luca Rosetti, Giovanni Sorrentino, Paola Terzaroli, Giuseppe Varchetta
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 400,      1a edizione  2010   (Codice editore 292.1.24)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 48.50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856832365

In breve
Il volume intende offrire un quadro organico degli scenari emergenti nei vari territori dell’apprendimento, con un forte taglio multidisciplinare e di integrazione tra modelli teorici e pratiche emergenti. Filo conduttore dei diversi contributi raccolti è l’attenzione alle variabili emotive, cognitive ed esperienziali dei processi di apprendimento e l’impatto su di esse della virtualizzazione (in termini di immersività, connettivismo, riflessività).
Utili Link
For Recensione (di Fabio Roma)… Vedi...
Presentazione del volume

Gli scenari evolutivi legati allo sviluppo delle competenze individuali, organizzative e di sistema si sono polarizzati intorno ad alcune aree di sperimentazione ed applicazione: l'apprendimento informale, le prospettive costruttiviste, connettiviste e di rete. L'ampliamento ed arricchimento delle opportunità di accesso e socializzazione della conoscenza, l'impatto della virtualizzazione sui processi stessi di apprendimento, la dimensione di rete multicanale, sollecitano il ripensamento del rapporto tra apprendimento e tecnologie.
Il volume intende offrire un quadro organico, seppur non esaustivo, degli scenari emergenti nei vari territori dell'apprendimento, con un forte taglio multidisciplinare e di integrazione tra modelli teorici e pratiche emergenti. A tal fine sono stati coinvolti studiosi ed esperti di campi diversi; il filo conduttore dei diversi contributi è l'attenzione alle variabili emotive, cognitive ed esperienziali dei processi di apprendimento e l'impatto su di esse della virtualizzazione (in termini di immersività, connettivismo, riflessività).
Il testo si rivolge ai corsi universitari, master e di specializzazione attinenti la gestione delle risorse umane, la progettazione formativa, il comportamento organizzativo e le strategie di impresa, ai ricercatori degli ambiti pedagogici, della psicologia del lavoro, organizzativi e di sviluppo aziendale, ai formatori ed ai ricercatori nei domini delle nuove tecnologie e dei sistemi di apprendimento.

Valentina Castello è ricercatrice presso l'Area Innovazione di Dida Network e docente presso l'Università degli Studi dell'Aquila. Formatrice e coordinatore di gruppi di ricerca sui processi di apprendimento e sviluppo individuali ed organizzativi, sui sistemi di sviluppo e governance, sul technology enhanced learning, è relatrice in convegni nazionali ed internazionali ed autrice di numerose pubblicazioni.
Dunia Pepe, sociologa, è ricercatrice presso l'Area Risorse Strutturali e Umane dei Sistemi Formativi Isfol, dove svolge attività di ricerca sull'innovazione dei modelli formativi, ed è docente del "Laboratorio di Metodologie della Formazione Professionale" presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università degli Studi Roma Tre. Ha pubblicato, tra l'altro: La riflessività nella formazione (con altri, Isfol, 2007), Le parole nel tempo (con D. De Masi, Guerini, 2001).

Indice


Roberto Maragliano, Premessa
Claudia Montedoro, Prefazione
Valentina Castello, Dunia Pepe, Introduzione
Parte I. Innovazione, apprendimento e transmedialità
Maria Rita Fiasco, Innovazione e apprendimento: quali relazioni?
(Innovazione, apprendimento e transmedialità: rivoluzione dei linguaggi e cambiamenti dei modi e dei luoghi dell'innovazione e dell'apprendere; L'innovazione aperta: la conoscenza distribuita come chiave della crescita sostenibile; Open source: comunità di innovatori, comunità di apprendimento. Innovare e apprendere dal "basso", partecipare... ovunque; Riferimenti bibliografici)
Dunia Pepe, Paola Terzaroli, Le nuove tecnologie e l'evoluzione delle professioni
(Introduzione; Professioni, conoscenze e tecnologie; Il significato ed il ruolo delle tecnologie; La formazione alle nuove professioni; Gli ambiti di sviluppo delle nuove professioni; Il nuovo scenario del lavoro; Innovazione, creatività e high skills; Riferimenti bibliografici)
Valentina Castello, Giovanni Sorrentino, Chiara Sancin, Vittorio dell'Aiuto, Antonella Fiorenzani, Multicanalità, immersività e sistemi ICT per l'apprendimento: dove sono le innovazioni?
(Introduzione; Social network ed e-learning 2.0; Lifelong learning oltre il web: la multicanalità degli apprendimenti; Il technology enhanced learning tra artigianalità e tecnocrazia; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Paolo Ferri, L'innovazione come transmedialità: comunicazione e apprendimento
(Dalla linearità gutemberghiana all'interazione transmediale a rete; Media molari e media molecolari in educazione: un ritorno al costruttivismo per nativi e immigranti digitali; I nuovi ambienti della formazione; Riferimenti bibliografici)
Alessandro Accardi, Nuove tecnologie e nuove figure della formazione: la figura professionale dell'e-tutor
(Introduzione; La figura dell'e-tutor; Le funzioni e gli strumenti dell'e-tutor; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
L'indice storico delle immagini: una conversazione tra Dunia Pepe e Fulvio Carmagnola
(Riferimenti bibliografici)
Attila Bruni, Tessere relazioni e intrecciare saperi nei network biotecnologici
(Introduzione; Network biotecnologici e reti di azioni; Studiare un network "dal basso"; Attivare e stabilizzare un network d'innovazione: il caso BiO-TeK; Attivare un network: l'importanza dell'infrastruttura; Verso la stabilizzazione: contrapposizioni e disarticolazioni organizzative; Conclusioni: apprendere, tessere relazioni e intrecciare sapori; Riferimenti bibliografici)
Parte II. Technology Enhanced Learning
Claudio Dondi, Stefania Aceto, Daniela Proli, Fabio Nascimbeni, Scenari e territori dell'apprendimento in rete
(Il progetto Learnovation: un quadro di insieme; L'approccio; Tendenze e sfide legate all'innovazione in corso nell'apprendimento; Guardando avanti: sviluppi futuri attesi; Dalla consultazione alle raccomandazioni; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Carlo Giovannella, TEL: Architecting for the future. Scenari, visioni e sfide
(Introduzione; Il quadro di riferimento; La "nuova" centralità del design; La sfida per le tecnologie; Riferimenti bibliografici)
Giovanni Sorrentino, Sara Miani, Giuliano Caggiano, Valentina Castello, Immersività e apprendimento
(Introduzione; Emozionalità e virtualizzazione; L'apprendimento in un contesto virtuale; Setting formativo virtuale; Setting formativo virtuale; Sperimentazione a confronto; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Claudio Moscogiuri, L'emozione ai confini della realtà. Brevi note sul rapporto tra emozione, tecnologie e apprendimento
(Cos'è l'emozione?; Alcune considerazioni su emozione, apprendimento e tecnologie didattiche; Il ruolo del formatore per lo sviluppo di un nuovo modello di apprendimento; Riferimenti bibliografici)
Vindice Deplano, La simulazione come gioco e come modello di apprendimento
(Introduzione; Gioco 1 e Gioco 2; Gioco 3: la realtà se e ma; Efficacia della simulazione; Le simulazioni nell'apprendimento; Modelli di simulazione nei sistemi di e-learning; Il futuro della simulazione; Riferimenti bibliografici)
Giovanni Sorrentino, Saverio Pescuma, Valentina Castello, Architetture semantiche e apprendimento
(Introduzione; Dagli strumenti di social software ad una tecnologia avanzata per l'apprendimento sociale; Architetture semantiche e apprendimento in rete; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Laura Vettraino, Eleonora Guglielman, Marco Guspini, Complex Learning
(Introduzione; Gli ambienti; I soggetti; Gli oggetti; Le competenze; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Simona Marchi, Apprendimento riflessivo e ambienti virtuali
(Introduzione; Tecnologie, pratiche di comunità e apprendimento; Apprendimento riflessivo di tipo partecipativo e apprezzativo in ambienti virtuali; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Mario Cusmai, Luca Rosetti, Uno strumento reticolare per ripensare la didattica on line: pratiche di scrittura condivisa su wiki
(Introduzione e contesto; Caratteristiche e funzionalità di wiki; Agire forme di scrittura condivisa su wiki; Riferimenti bibliografici)
Parte III. Dal Lifelong Learning al Lifewide Learning
Valentina Castello, Marco Recchioni, Paola O. Achard, Giovanni Sorrentino, Antonella Fiorenzani, Nuove tecnologie e dinamiche di apprendimento tra individuo, organizzazione e società
(Introduzione; Apprendimento, azione e performance; Technology enhanced learning tra individuo e organizzazione; Conclusioni; Riferimenti bibliografici)
Dunia Pepe, Paola Terzaroli, Lifelong learning e Lifewide learning
(La proposta del lifelong learning: riflessioni e prospettive; L'apprendimento corsaro; Le competenze per il lifelong learner tra riflessività e approccio sistemico; I percorsi della conoscenza; Riferimenti bibliografici)
Domenico Lipari, Idee e approcci per una formazione riflessiva
(Introduzione; Apprendere versus insegnare; Formazione riflessiva 1: intervento, partecipazione, azione; Formazione riflessiva 2: apprendere dalla pratica, condividere conoscenza; Riferimenti bibliografici)
Giuseppe Varchetta, Formazione e apprendimento nelle immagini del cinema
(Chi al cinema; Processi materiali e registro iconico; Spazi del cinema; La narrazione del cinema; Riferimenti bibliografici)
Aureliana Alberici, Paolo Di Rienzo, Apprendimento come partecipazione e come chiave di accesso alla cittadinanza
(Introduzione; Apprendimento permanente come sfida per la cittadinanza e la democrazia; Apprendere ad apprendere per un'ecologia delle idee; Riferimenti bibliografici)
Marco Recchioni, Conclusioni
Gli autori.