Fatalisti allo sbaraglio. Come orientarsi con la propria e l'altrui sorte
Autori e curatori
Collana
Livello
Guide di autoformazione e autoaiuto
Dati
pp. 128,      1a edizione  2012   (Codice editore 239.236)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 17,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856848908
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856875836
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Una sorta di manuale con molti esempi tratti dalle cronache e dall’esperienza di tutti i giorni, che vuole mettere in luce alcuni falsi miti e luoghi comuni sul tema del destino. Arricchiscono il volume le testimonianze di Padre Giovanni Cavalcoli, del professor Carlo Monaco, dell’attore Stefano Bicocchi e del cantautore Francesco Guccini.
Utili Link
Nellanotizia.net L'uomo è fabbro del proprio destino… Vedi...
Cinquew.it Recensione… Vedi...
Paperblog.com Recensione… Vedi...
Il Resto del Carlino Bologna Recensione (di Camilla Ghedini)… Vedi...
Presentazione del volume

Quando si afferma che la filosofia propone solo argomenti di riflessone "alti", cioè troppo teorici e lontani dalla realtà concreta delle cose, non sempre si dice il vero.
Prendiamo, ad esempio, il tema legato al destino. Esso, ben lungi dall'essere rintanato in inaccessibili vette del pensiero, riservato solo alle speculazioni degli specialisti, è viceversa pienamente presente nella quotidianità della nostra vita, usato e "masticato" nelle conversazioni da bar o da mercato rionale così come all'interno di consessi un po' più elevati.
Tutti, in altre parole, si sentono in dovere e in diritto di dire la loro e di avere un'opinione in materia. E, del resto, quando affermiamo: "è inutile, se arriva il tuo momento non c'è più niente da fare", oppure: "era già scritto che finisse così", non facciamo altro che esprimere una posizione precisa, che si suppone sia meditata e dalla quale discendono una serie di conseguenze pratiche che riguardano il modo di vivere e di intendere la propria esistenza.
Ecco allora che questo libro si propone l'obiettivo di scandagliare il fenomeno più da vicino, analizzandolo con un linguaggio agile, scorrevole e alla portata di tutti. Una sorta di manuale con da molti esempi tratti dalle cronache e dall'esperienza di tutti i giorni, che vuole mettere in luce alcuni falsi miti e luoghi comuni che circondano l'argomento legato al destino.
Accanto alle considerazioni dell'autore si alternano infatti quattro testimonianze diverse: un religioso, il domenicano Padre Giovanni Cavalcoli; un docente di filosofia, il professor Carlo Monaco; un noto attore, Stefano Bicocchi, meglio conosciuto come Vito e, dulcis in fundo, il grande cantautore Francesco Guccini.
Il tutto per proporre una riflessione a 360 gradi su un tema che, nolenti o volenti, ci riguarda indistintamente e che è così di frequente sulla bocca di tutti.

Francesco Baccilieri , giornalista professionista, è laureato in filosofia e in giurisprudenza. Vive e lavora a Bologna, dove svolge attività di comunicazione prevalentemente in ambito economico, di formazione manageriale e gestione d'impresa. Per FrancoAngeli ha pubblicato Se papà fa il casalingo (2010) e Quando vince la speranza (2011), entrambi scritti insieme a Federico Nenzioni.

Indice


Parte I. Perché proprio il destino?
Introduzione
Il portico di Zenone
I fatalisti del terzo millennio dopo Cristo
Molto arbitrio e poca libertà
Un'occasione per riflettere
Una posizione un po' troppo comoda
Il caso, un vero e proprio tabù
Il senso della vita
Caso e necessità
Le sfide della genetica
Parte II. Le testimonianze
Padre Giovanni Cavalcoli
Carlo Monaco
Stefano Bicocchi, in arte Vito
Francesco Guccini
La voce della Rete
Conclusioni.