Il movimento delle leggi. L’ordine dei costumi in Montesquieu
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 224,      1a edizione  2015   (Codice editore 499.29)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,50
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Che cos’è una costituzione secondo Montesquieu? Ciò che questo libro si propone di mostrare è come non si possa confondere la soggettivazione collettiva e sociale attraverso la quale Montesquieu pensa il campo politico con la volontà astratta del soggetto moderno. Il pensiero politico deve misurarsi ancora oggi con questo problema che sta al cuore della riflessione di Montesquieu.
Presentazione del volume

Che cos'è una costituzione secondo Montesquieu? Una totalità di rapporti intrecciati e interconnessi in cui si articolano leggi, costumi e maniere di vita, qualcosa di non riducibile a un modello politico astratto, cioè a un paradigma fondato sulla "divisione dei poteri" in grado di garantire la libertà dell'individuo. Ciò che questo libro si propone di mostrare è come non si possa confondere la soggettivazione collettiva e sociale attraverso la quale Montesquieu pensa il campo politico con la volontà astratta del soggetto moderno.
L'efficacia delle norme è data infatti, nell'Esprit des lois, dalla convenienza fra le leggi, il loro movimento e il modo di vita di una società, le forme concrete della connessione degli uomini e il loro divenire storico, vale a dire i modi, l'intreccio dei rapporti che formano nel loro insieme lo spirito generale: l'ordine, la struttura complessa di una sociabilité grazie a cui è possibile l'esistenza di quel collettivo umano che si chiama "popolo" o "nazione". Il pensiero politico deve misurarsi ancora oggi con questo problema che sta al cuore della riflessione di Montesquieu: un popolo e la sua legge si costituiscono insieme, dentro uno spazio sociale generatore di pratiche, cioè all'interno di un campo di relazioni e attraverso un lavoro dell'esprit irriducibile a ogni traduzione in termini di potere.

Paolo Slongo è membro del Centro interuniversitario di ricerca sul lessico politico e giuridico europeo (CIRLPGE) e del Laboratoire interdisciplinaire d'études sur les réflexivités (LIER) all'EHESS di Parigi. È autore di saggi apparsi in "Filosofia politica" e nei "Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno". Ha già pubblicato con FrancoAngeli un volume intitolato Governo della vita e ordine politico in Montaigne (2010).

Indice
Introduzione
Società e forme di vita
(Socialità, legge e costumi; La vita delle società; L'esprit général e la normatività dei costumi; La vita sensibile dello spirito; La piega delle società; Moeurs et manières)
Persiani e Trogloditi
(Forza di legge; Le coeur juste; Il y a donc une raison primitive)
Il "sistema di Hobbes"
(Choses sans nombre; Le système de Hobbes; Governo moderato e potere dispotico; Absoluta potestas e tolleranza)
La legge, le leggi e i costumi
(Costituzioni e costumi; Ordini della pluralità; Le leggi e la vita del corpo politico; Ordine politico e "disposizione")
Governo e costituzione
(Movimento e ordine delle leggi; Natura e principio dei governi; Il beau système inglese; Libertà e costituzione)
Indice dei nomi.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi