La famiglia flessibile.

Gli effetti transgenerazionali della flessibilità lavorativa. Il caso di Milano

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 144,      1a edizione  2016   (Codice editore 1525.51)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

La famiglia flessibile. Gli effetti transgenerazionali della flessibilità lavorativa. Il caso di Milano
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18,50
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Attraverso i risultati di uno studio su un campione di 9.936 famiglie del Comune di Milano, il volume offre un quadro sintetico delle ricerche critiche sul lavoro flessibile. Argomenti di tipo qualitativo e quantitativo portano a sostenere che, almeno in Italia, la flessibilità lavorativa ha effetti non solo sull’identità personale del lavoratore e sulle scelte della sua famiglia, ma anche di ordine transgenerazionale: l’aumento della flessibilità del lavoro di oggi può produrre conseguenze a carico delle generazioni di domani.

Utili Link

la Repubblica (ed.Milano) La mamma flessibile…(di Matteo Pucciarelli)… Vedi...
laRepubblica.it I figli delle mamme precarie iniziano a parlare più tardi (di Matteo Pucciarelli) precarie iniziano a parlare più tardi (… Vedi...
Dazebanews.it Mamme precarie e cattivissime (di Silvia Ferrari)… Vedi...

Presentazione del volume

La regolazione dei rapporti di lavoro nel nostro Paese è stata oggetto di importanti trasformazioni negli ultimi decenni: il "Pacchetto Treu" (L. 196/1997), la "Riforma Biagi" (L. 30/2003), la "Riforma Fornero" (L. 92/2012) e, da ultimo, il "Jobs Act" (L. 183/2014, con decreti attuativi) hanno accentuato la "flessibilità" nel mondo del lavoro.
Per oltre vent'anni, la retorica politica, con lo scopo di supportare i cambiamenti legislativi, ha attribuito poteri taumaturgici alla flessibilità lavorativa: maggiore occupazione, capacità di aiutare i giovani a inserirsi nel mondo del lavoro e una più elevata produttività del sistema-Paese sono solo alcuni dei meno improbabili.
Le storie di vita dei lavoratori "flessibili" raccontano esperienze che raramente trovano rappresentazione nei mass-media: professionalità altamente qualificate con una retribuzione al di sotto del limite di sopravvivenza; lavoratrici costrette a posticipare la maternità per paura di perdere il posto di lavoro; uomini e donne senza un'identità lavorativa che possa dare loro dignità di fronte alla società.
La letteratura economica, sociale e giuridica - frequentemente con analisi transdisciplinari - ha da tempo messo in luce anche le implicazioni meno accettabili della progressiva flessibilizzazione del mercato del lavoro.
Fornire un quadro sintetico delle ricerche critiche sul lavoro flessibile è uno degli scopi del volume, che presenta i risultati di tre anni di studi e i dati riguardanti una popolazione di 9.936 famiglie del Comune di Milano.
Argomenti sia di tipo qualitativo che quantitativo portano a sostenere che, almeno in Italia, la flessibilità lavorativa ha effetti non solo sull'identità personale del lavoratore e sulle scelte della sua famiglia, ma anche di ordine transgenerazionale: l'aumento della flessibilità del lavoro di oggi può produrre conseguenze a carico delle generazioni di domani.

Riccardo Bonato, laureato in Economia e in Giurisprudenza, si occupa di diritto del lavoro e di sociologia del diritto. Dottore di ricerca in Scienze giuridiche presso l'Università degli Studi di Milano-Bicocca, è attualmente il giuslavorista di riferimento di un giovane studio legale milanese. Responsabile di diversi progetti formativi, dirige la collana di pubblicazioni scientifiche "Hórisma", Ledizioni
www.riccardobonato.com

Indice

Introduzione
Definizioni preliminari
I falsi miti della flessibilità lavorativa
(Flessibilità e produttività; Lavoro flessibile e retribuzione del lavoro; Contratti flessibili e ingresso nel mondo del lavoro)
Lavoro flessibile, personalità e identità
(Lavoro flessibile e identità personale; Lavoro flessibile e vulnerabilità sociale; Lavoro flessibile e scelte famigliari)
Flessibilità e tutela della genitorialità nel diritto del lavoro italiano
(Flessibilità, una diversa ripartizione dei rischi tra lavoratore e imprenditore; Strumenti di tutela della genitorialità in Italia; Protezione della lavoratrice madre e del lavoratore padre nelle diverse fattispecie contrattuali; "Jobs Act" e tutela della genitorialità)
Sistema di welfare italiano e lavoro flessibile
(Strumenti di welfare a sostegno della disoccupazione; Servizi all'infanzia)
Sospensione dell'attività lavorativa per la nascita di un bambino
(Benefici economici della sospensione; Benefici per il benessere psicofisico della madre e del bambino; Sospensione dell'attività lavorativa e sviluppo del linguaggio del bambino)
L'impatto sociale del lavoro flessibile. Una ricerca empirica nell'area di Milano
(Obiettivi della ricerca; Risultati della ricerca: a) le famiglie e i contratti flessibili. Bisogni, tutele e impatto valoriale; Risultati della ricerca: b) l'impatto dei contratti flessibili sulla persona e sulla vita di coppia; Risultati della ricerca: c) gli effetti transgenerazionali della flessibilità lavorativa. L'impatto sullo sviluppo del linguaggio del bambino; Alla ricerca della variabile decisiva. Il permesso di allattamento e lo sviluppo del linguaggio del bambino)
Conclusioni: l'impatto sociale e transgenerazionale della flessibilità lavorativa
Bibliografia di riferimento
Appendice metodologica
(Territorio d'analisi; Popolazione d'analisi; Strumenti della ricerca; Campione; Fasi di distribuzione e raccolta)
Allegato. Questionario alle famiglie.