Cibo, genere e salute

Un paradigma eclettico basato su differenze visibili

Contributi
Costantino Cipolla, Uliano Conti, Daniele Gulotta, Vera Kopsaj, Bianca Rumore, Eleonora Sparano, Titta Vadalà
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 164,      1a edizione  2021   (Codice editore 278.2.10)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Cibo, genere e salute Un paradigma eclettico basato su differenze visibili
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Necessario per sopravvivere, il cibo è lo specchio della storia, di un bisogno naturale che nel tempo ha assunto significati e regole comuni. Simbolo di appartenenza alla collettività, volano delle relazioni sociali, messaggero di valori che influiscono sulla reciprocità interindividuale, al tempo della pandemia COVID-19 il cibo ha assunto nuove costruzioni di senso. Il libro osserva le diverse dinamiche del fenomeno, indagando in particolare la fitta relazione tra cibo, genere e salute.

Presentazione del volume

Il CIBO, necessario per sopravvivere, è lo specchio della storia, di un bisogno naturale che nel tempo ha assunto significati e regole comuni. Quando il libro è stato progettato, non si immaginava che il cibo: simbolo di appartenenza alla collettività, volano delle relazioni sociali, messaggero di valori che influiscono sulla reciprocità interindividuale, al tempo della Pandemia COVID-19 mostrasse nuove costruzioni di senso. Durante il Lock-Down si può rinunciare a tutto, ma non al desco, il bisogno di relazionalità umana, non può essere un surrogato dell'esperienza della relazione digitale. Il libro tratta del farsi delle differenze genere-cibo, dagli aspetti biologici, alla famiglia, alla cultura, alle tradizioni, ai valori, alla disponibilità di risorse alimentari in paesi a diversi livelli di sviluppo.
Si osservano diverse dinamiche del fenomeno, dalle radici storiche, alle situazioni problematiche, cibo e salute, quale cibo, donne e corpo, la negazione dell'identità femminile, gli immaginari di genere, la produzione del cibo, genoma e società, le statistiche.
Obiettivi del testo: definire che alle radici delle disuguaglianze vi è un disagio, una frattura nel rapporto femmine e maschi, un'alternanza nell'attrarsi e nel respingersi, una carenza di empatia, ansia, tensione e ricadute sullo stato di salute; proporre un cambio di paradigma; indicare un approccio metodologico eclettico, combinazione e conciliazione di saperi di diversa provenienza, fusione di elementi di fonti diverse, atteggiamento di chi non segue un unico metodo ma pone a confronto criteri diversi, imposto dalle caratteristiche del fenomeno oggetto di studio, nel caso in oggetto della fitta rete dei legami tra genere, cibo e salute; approntare uno "schema paradigmatico del rapporto fra i generi nel campo dell'alimentazione umana"; enunciare "un nuovo paradigma di natura eclettica, basato su differenze visibili" (Cipolla).

Rosanna Memoli
, già ordinario della "Sapienza" - Università di Roma, ha diretto il Centro di Ricerca in Metodologia delle Scienze Sociali e coordinato il Dottorato in Metodi di Ricerca per l'Analisi del Mutamento Socio-Economico. Ad oggi è membro di Unam Sapientiam-FondazioneSapienza, dell'AIS e del Comitato scientifico ASIS. Ha pubblicato per editori nazionali ed internazionali su lavoro, territorio, élite, salute, ambiente. Di recente (2020), Cultura, Mutamento e Sviluppo, (a cura di) U. Conti, R. Memoli; "La Sociologia come scienza" in (a cura di) R. Cipriani, R. Memoli, La sociologia eclettica di Costantino Cipolla, FrancoAngeli.

Angelo Falzarano
, dirigente scolastico, PhD in Sociologia e PhD in Scienze del Turismo, è cultore e collaboratore alla ricerca presso la cattedra di Sociologia Generale, prof. R. Sibilio Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche, Università di Napoli "Federico II". È autore e co-autore di testi ed articoli Nazionali ed Internazionali sulle interrelazioni tra salute e percezione del rischio, dinamiche alimentari e globalizzazione. Tra le pubblicazioni sull'argomento si segnalano R. Sibilio, A. Falzarano (2011) (a cura di), Il rischio nel piatto: la preoccupazione del consumatore contemporaneo, FrancoAngeli, Milano 2011; R. Sibilio, A. Falzarano (2018), Il cibo funzionale tra alimentazione e salute, "Salute e Società" (a cura di C. Corposanto), Appetiti sociologici forme simboliche e pratiche sociali dell'alimentazione, XVIII, n. 3.

Indice

Costantino Cipolla, Prefazione
Rosanna Memoli, Introduzione
Angelo Falzarano, Disuguaglianze di genere e accesso alle risorse alimentari
Rosanna Memoli, Alle radici delle disuguaglianze
Rosanna Memoli, Verso un nuovo paradigma
Eleonora Sparano, Discriminazioni di genere nella produzione di cibo. Per un approccio sistemico integrato
Vera Kopsaj,
La negazione dell'identità femminile come chiave di acquisizione per i diritti maschili
Uliano Conti, Bianca Rumore,
Fat Shaming vs body positivity. Immaginari di genere tra food porn e digital culture
Titta Vadalà,
Che "genere" di cibo?
Daniele Gulotta, Correlazione tra cibo e salute nella popolazione mondiale: una rassegna delle statistiche
Angelo Falzarano,
Genoma e società: alimentazione personalizzata e nuove dinamiche familiari
Notizie sulle autrici e sugli autori.