Transizioni postmetropolitane. Declinazioni locali delle dinamiche posturbane in Sicilia
Contributi
Giuseppe Abbate, Adriano Alessi, Giulia Bonafede, Annalisa Busetta, Giovanna Ceno, Annalisa Giampino, Francesca Lotta, Grazia Napoli, Filippo Schilleci, Manuela Stranges
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 348,      1a edizione  2018   (Codice editore 1862.204)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 43,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 30,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 30,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
A partire dall’analisi dei sei discorsi di Soja (2000) elaborati per la post-metropoli e adottati per Los Angeles, il volume affronta criticamente la declinazione locale del “modello” metropolitano in riferimento ad alcune potenziali realtà “post” presenti in Sicilia, tradizionalmente considerata area marginale rispetto ai fenomeni di cambiamento socio-spaziali che hanno interessato realtà post-moderne più dinamiche.
Presentazione del volume

Nel corso del Novecento i fenomeni di regionalizzazione dell'urbano hanno prodotto anche in Italia profondi cambiamenti fisici, economici e sociali, manifestando una transizione, per molti aspetti inedita, verso forme postmetropolitane.
A partire dall'analisi dei sei discorsi di Soja (2000) elaborati per la postmetropoli e adottati per Los Angeles, il volume affronta criticamente la declinazione locale del "modello" metropolitano in riferimento ad alcune potenziali realtà "post" presenti in Sicilia, tradizionalmente considerata area marginale rispetto ai fenomeni di cambiamento socio-spaziale che hanno interessato realtà postmoderne più dinamiche. L'intento è coglierne le differenti traiettorie di cambiamento e rivendicare la specificità del fenomeno.
Questa scelta richiede un necessario spostamento del punto di vista: per potere comprendere il "post" nelle aree marginali occorre guardare i territori non da "nord verso sud", ma invertendo l'asse di osservazione.
In relazione ai territori siciliani, la lettura comparativa tra l'Area Metropolitana di Palermo e la Sicilia Sud-orientale si rivela particolarmente utile nel restituire tali riflessioni critiche sotto il profilo spaziale, economico, demografico e sociale.

Francesco Lo Piccolo è professore ordinario di Urbanistica presso l'Università degli Studi di Palermo. Le sue ricerche affrontano i temi dell'esclusione sociale urbana, la città multietnica e le modalità inclusive di partecipazione, l'incidenza di piani e politiche urbane sui principi di cittadinanza, equità e giustizia. Ha pubblicato Ethics and Planning Research (Ashgate, 2009) e articoli in International Planning Studies, Planning Practice and Research, Planning Theory and Practice, Town Planning Review, Planning Theory.

Marco Picone
è professore associato di Geografia presso l'Università degli Studi di Palermo. Le sue ricerche affrontano i temi della geopolitica popolare e della geografia urbana e sociale, con particolare riferimento al quartiere e alle pratiche partecipative, ai commons e al tema identitario. Ha pubblicato articoli in ACME, Méditerranée, Cytet, Finisterra, Rivista Geografica Italiana e altre riviste nazionali e internazionali.

Vincenzo Todaro
è PhD in Pianificazione urbana e territoriale. Svolge attività di ricerca presso l'Università degli Studi di Palermo, indirizzando le sue ricerche sull'integrazione tra tutela ambientale e pianificazione urbanistico-territoriale e, più di recente, sull'impatto territoriale dei flussi di migranti sulle regioni urbane italiane. Ha pubblicato Connected Lands. New Perspectives on Ecological Networks Planning (con F. Schilleci e F. Lotta, Springer, 2017), Reti ecologiche e governo del territorio (FrancoAngeli, 2010) e articoli in volumi e riviste di rilevanza nazionale e internazionale.

Indice
Francesco Lo Piccolo, Declinazioni locali della dimensione postmetropolitana in Sicilia
Annalisa Giampino, Marco Picone, Vincenzo Todaro, Sulle tracce della postmetropoli: percorsi di lettura attorno allo "spazio pensato" postmetropolitano
Parte I. Tra metropoli e postmetropoli
Francesca Lotta, Nuove forme di metropoli?
Adriano Alessi, Per una nuova geografia siciliana
Annalisa Giampino, Filippo Schilleci, Vincenzo Todaro, Riconfigurare i territori metropolitani. Forme di urbanizzazione e fenomeni di pressione insediativa sui sistemi di interesse naturale in Sicilia
Giulia Bonafede, Grazia Napoli, Housing affordability nelle regioni urbane. Una proposta metodologica per definire il reddito soglia
Vincenzo Todaro, Per una narrazione divergente sul fenomeno di distribuzione territoriale degli immigrati nelle regioni urbane italiane
Parte II. Contesto metropolitano di Palermo
Marco Picone, Filippo Schilleci, Una postmetropoli incompleta: il contesto sociospaziale di Palermo
Annalisa Giampino, Francesco Lo Piccolo, Vincenzo Todaro, Questione abitativa e diritto alla città a Palermo
Annalisa Giampino, Abitare i territori esterni della postmetropoli
Annalisa Busetta, Manuela Stranges, La segregazione residenziale degli stranieri residenti a Palermo
Parte III. Sicilia Sud-orientale
Francesco Lo Piccolo, Marco Picone, Una postmetropoli controfattuale: il contesto socio-spaziale della Sicilia Sud-orientale
Giuseppe Abbate, Declinazioni inedite dell'abitare il territorio storico nella Sicilia Sud-orientale
Francesco Lo Piccolo, Vincenzo Todaro, L'invisibilità sociale degli immigrati nella Sicilia postrurale: il caso della "fascia trasformata" del ragusano
Francesco Lo Piccolo, Annalisa Giampino, Vincenzo Todaro, Il potere della fiction nella transizione (post)reale della postmetropoli
Giovanna Ceno, Il (mancato) rapporto tra le rappresentazioni visuali e la pianificazione nel territorio ragusano
Gli Autori.