L'Ebreo Errante. Gli infiniti percorsi di un mito letterario
Autori e curatori
Argomenti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 158,      1a edizione  2018   (Codice editore 291.109)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14,00
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Questo volume vuole ricreare il contesto letterario in cui si è sviluppato il mito dell’Ebreo Errante, per mettere in risalto le peculiari caratteristiche della sua costante e inquietante presenza nelle letterature anglofone. Dall’incontro con i pellegrini sulla via di Canterbury nei versi di Chaucer, l’eterno viandante ha vagato col suo sguardo mesmerico fra i testi di Coleridge, Shelley, Lewis, Maturin, Joyce, Wiesel e molti altri fino ad approdare, nel 2007, sulle pagine di Stephen Gallagher.
Presentazione del volume

Io mi fermerò e avrò riposo, tu invece dovrai vagare". Con queste parole, secondo alcune leggende medievali, Cristo aveva condannato l'Ebreo Errante per averlo insultato lungo il Calvario.
Da allora il mesto vagabondo ha viaggiato nel patrimonio letterario universale, assumendo di volta in volta il ruolo di pio pellegrino, di savio veggente o di crudele alchimista, fino al Novecento, quando diviene la personificazione dell'Uomo che resiste alle prove della vita, l'Altro o Everyman.
Questo volume vuole ricreare il contesto letterario in cui si è sviluppato il mito dell'Ebreo Errante, per mettere in risalto le peculiari caratteristiche della sua costante e inquietante presenza nelle letterature anglofone. Dall'incontro con i pellegrini sulla via di Canterbury nei versi di Chaucer, l'eterno viandante ha vagato col suo sguardo mesmerico fra i testi di Coleridge, Shelley, Lewis, Maturin, Joyce, Wiesel e molti altri fino ad approdare, nel 2007, sulle pagine di Stephen Gallagher.

Simonetta Falchi insegna Letteratura Inglese all'Università di Sassari. È stata Academic Visitor all'Università di Cambridge e al Lucy Cavendish College (2008/2009). Si occupa dell'evoluzione dei personaggi- matrice e del rapporto fra tradizione e innovazione. Per i nostri tipi ha curato, con G. Perletti e M.I. Romero Ruiz, il volume Victorianomania. Reimagining, Refashioning, and Rewriting Victorian Literature and Culture (2015).

Indice
Introduzione
Le origini della leggenda: l'Ebreo Errante tra mito e archetipo
(Immortalità ed erranza; Un archetipo precristiano proteiforme; Le prime attestazioni medievali della leggenda: varianti e invarianti folklorico-cristiane)
La canonizzazione (e cristallizzazione) del mito
(Vagabondi e pellegrini: in viaggio tra povertà e escatologia; Assuero l'ebreo convertito; I primi passi di Assuero tra la gente d'Inghilterra: il diario di Shann; Il ritorno degli ebrei e di Assuero in Inghilterra: le ballate e i chapbook fra Seicento e Settecento)
Le conseguenze della maledizione nel Settecento-Ottocento
(Illuministi e illuminati alla ricerca della conoscenza e dell'elisir di lunga vita: l'Ebreo Errante e Faust; L'Ebreo Errante va per mare: "The Rime of the Ancient Mariner" di S.T. Coleridge; L'Ebreo Errante e i Gesuiti; Cronache di una sconfinata solitudine)
La Rinascita Ebraico-Cristiana
(Il Novecento: tra sofferenza e resilienza; L'Ebreo Errante testimone della guerra e delle sue tragedie; L'Ebreo Errante, lo scetticismo e il mistero della fede; L'Ebreo Errante neo-vittoriano: la mesta conquista della pace eterna)
Nota conclusiva
Bibliografia
Indice dei nomi.