Tempo di intraprendere
Contributi
Piermarco Aroldi, Natale Brescianini, Angelo Ferracuti, Gabriele Gabrielli, Francesco Stoppa
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 140,      1a edizione  2019   (Codice editore 1073.4)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
A partire da un dialogo sul senso del tempo e sull’umanizzazione del futuro tempo, questo volume propone un ripensamento corale e polifonico dell’intraprendere, che miri a narrare insieme un nuovo cominciare.
Presentazione del volume

Formato tascabile.

Se l'abitare umano del futuro si modella intorno alla capacità di cominciare, la sua tessitura relazionale emerge dalla semantica dell'intraprendere. Legato all'idea del cominciare creativo e creatore, l'intraprendere catalizza l'interesse delle scienze filosofiche, politiche, economiche e sociali. Esso è capace di tenere insieme individuo e comunità, bisogni e desideri, tradizione e innovazione, società e istituzioni. Il tempo dell'intraprendere, come capacità di agire costruendo, lascia intravedere la pienezza di un tempo condiviso, la possibilità di una seconda nascita alle relazioni, capace di leggere in controluce l'improbabile, trasformandolo nel possibile e nel realizzabile. L'intraprendere trasfigura l'agire calcolante rendendolo agire autenticamente economico, chiede alle istituzioni la visionarietà di un contesto che ne agevoli la diffusione, impone un ripensamento del senso del tempo, dell'attesa e del desiderio, rilegge la generatività come cifra di un'antropologia della progettualità che sa aspettare e, al contempo, operare.
A partire da un dialogo sul senso del tempo e sull'umanizzazione del futuro, questo volume propone un ripensamento corale e polifonico dell'intraprendere, che miri a narrare insieme un nuovo cominciare.

Luca Alici
è professore associato di Filosofia politica presso l'Università degli Studi di Perugia. Tra i suoi libri: Fidarsi (2012), Il diritto di punire (2012), Patire e potere (2017), Filosofia politica (con R. Gatti, 2018), Dentro il conflitto, oltre il nemico (a cura di, 2018).

Silvia Pierosara
è docente a contratto di Filosofia morale presso l'Università degli Studi di Macerata. Tra i suoi libri: L'orizzonte e le radici. Sul riconoscimento del legame comunitario (2011), Legami privati e relazioni pubbliche. Una rilettura di Axel Honneth (2013), Differenze e narrazione. Per un universale etico condiviso (2018).

Indice
Luca Alici, Silvia Pierosara, Intraprendere. Quando passato, presente e futuro (si) fanno del bene
Angelo Ferracuti, Vivere, scrivere
Piermarco Aroldi, Manager, bracconieri e jazzisti: l'esperienza del tempo e del ritmo nell'era della comunicazione digitale
Natale Brescianini, Il tempo è superiore allo spazio? Ritrovare il tempo, riaprire la vita
Francesco Stoppa, Conflitto e umanizzazione
Gabriele Gabrielli, Leadership e lavoro nell'epoca della simultaneità accelerata. Come far convivere nello stesso spazio comando e autonomia?
Note.