Perle, pirati e sognatori. Dall'aiuto allo sviluppo a una nuova cooperazione internazionale
Autori e curatori
Contributi
Aldo Masullo
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 240,      1a edizione  2016   (Codice editore 1168.1.56)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 29,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891742735
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 20,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891747112
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Come tradurre finalmente in azioni efficaci l’immenso patrimonio della solidarietà che oggi è disperso in migliaia di progetti frammentari? Come realizzare, nel mondo globalizzato, una nuova cooperazione internazionale adeguata ai tempi? Questo libro è per chi ama la cooperazione e vorrebbe che servisse davvero a rendere lo sviluppo migliore di com’è oggi.
Utili Link
Dietro le Quarte Una nuova via per la cooperazione internazionale… Vedi...
Nigrizia Recensione… Vedi...
Presentazione del volume

Questo libro è per chi ama la cooperazione e vorrebbe che servisse davvero a rendere lo sviluppo molto migliore di com'è oggi. Per farlo, dovrebbe superare i vecchi schemi dell'aiuto, che non hanno dato i risultati sperati, e andare verso i cambiamenti epocali indicati dall'Agenda ONU verso il 2030. Ma come tradurre finalmente in azioni efficaci l'immenso patrimonio della solidarietà che oggi è disperso in migliaia di progetti frammentari?
Come realizzare, nel mondo globalizzato, una nuova cooperazione internazionale adeguata ai tempi?
In questo libro, dopo una riflessione critica sulle vecchie forme di aiuto, si cerca d'imparare dalle bellissime esperienze che, nonostante tutto, sono realizzate in tanti paesi. Si espongono gli argomenti in favore di un movimento per la riforma della cooperazione internazionale che abbia come protagoniste le collettività locali del Sud e del Nord, e come suo asse portante i nuovi metodi dell'approccio territoriale allo sviluppo. S'ipotizza che la cooperazione possa finalmente diventare un laboratorio del cambiamento, come probabilmente avrebbe dovuto fare da tempo. Ma un libro non può dire tutto. La sua utilità è di aiutare a vedere ciò che non funziona, a capire perché, a stimolare la discussione e a immaginare una realtà che oggi sembra solo un sogno.

Luciano Carrino, psichiatra, è stato a lungo responsabile, al Ministero degli Esteri, dei programmi di cooperazione Italia/Nazioni Unite per lo sviluppo umano in Africa, Mediterraneo, America Latina ed Europa dell'Est. È stato vice presidente della Rete contro la povertà dell'OCSE e consulente della Commissione Europea, del Parlamento Europeo e delle Nazioni Unite. Insegna in diverse università italiane e di altri paesi. Prima di occuparsi di cooperazione è stato uno dei più stretti collaboratori di Franco Basaglia nel lavoro di superamento dei manicomi e direttore del Centro di Medicina Sociale di Giugliano. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Lo sviluppo delle società umane tra natura, passioni e politica (FrancoAngeli, 2014), Perle e Pirati (Centro Studi Erickson, 2005), tradotto in varie lingue, e il Manuale dell'OMS Le Personnel Local de Santé et la Communauté face aux Catastrophes Naturelles (1989). È autore di diversi documentari televisivi per la Rai.

Indice
Aldo Masullo, Prefazione
Luciano Carrino,
Presentazione dell'autore
Introduzione. Il senso della cooperazione nelle società che cambiano
Nota per il lettore
Parte I. Breve storia della cooperazione
Solidarietà e cooperazione
L'aiuto pubblico allo sviluppo e il suo contesto
Il funzionamento, gli attori e i progetti della cooperazione
La piattaforma mondiale di sviluppo e la difficile transizione
La crisi della cooperazione e le sue ragioni riconosciute
Parte II. La crisi della cooperazione e le sue ragioni ignorate
Gli interventi nelle emergenze dopo le catastrofi naturali
L'aiuto umanitario ai profughi
Gli interventi nei conflitti armati
Il progettismo e le cinque grandi distorsioni della cooperazione
Parte III. Lavorare per la nuova cooperazione
Buone ragioni per cambiare lo sviluppo e la cooperazione
Progettare la cooperazione allo sviluppo
Buoni e cattivi progetti: un miglior uso del ciclo del progetto e del quadro logico
Cambiare dall'alto: i grandi programmi-quadro
Cambiare dal basso: i progetti strategici
Migrazioni e cooperazione allo sviluppo
I professionisti della cooperazione allo sviluppo
Verso un movimento di cooperazione internazionale
Verso una riforma dell'aiuto allo sviluppo
Parte IV. Parole-chiave, concetti e strumenti di lavoro della cooperazione allo sviluppo
Parte V. Il Manifesto per la cooperazione allo sviluppo dei territori
Parte VI. Letture e siti web consigliati
Sigle
Ringraziamenti.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi