L'utilizzo del dato qualitativo nella ricerca sociologica
Contributi
Maurizio Bergamaschi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 256,      2a edizione  1997   (Codice editore 1561.44)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846401427

Presentazione del volume

Le modalità di utilizzo del dato qualitativo ai vari livelli di complessità della ricerca sociologica costituiscono tema di crescente attualità. Tuttavia, mentre la serie degli scritti riferiti a specifici argomenti e tecniche, di elevata raffinatezza, si è sviluppata in modo significativo, carente invece appare il settore delle opere di tipo didattico o di operatività immediata.

Il presente manuale cerca di colmare questa lacuna ed è stato ideato in una prospettiva di rapida consultazione, nella duplice funzione che al dato qualitativo viene oggi riconosciuta. E cioè, in primo luogo, come momento di arricchimento in generale delle nostre conoscenze e di sviluppo di quelle che sono le ipotesi sulle quali stiamo lavorando; e quindi come parte significativa e determinante del processo di crescita della ricerca nella sua globalità. Ed, in secondo luogo, come proposta di tecniche mirate riferite a specifiche e circoscritte masse di informazioni. Dall'analisi del contenuto mirato alla individuazione di categorie predefinite discriminanti.

In particolare il volume tende a proporre, in modo accessibile, al ricercatore impegnato nell'analisi del dato qualitativo, alcune possibili ed alternative modalità di approccio, di utilizzo e di elaborazione delle informazioni.

In questa prospettiva il dato qualitativo non è più solo riferito alle ricerche di sfondo, o comunque a quelli che si propongono come momenti esplorativi iniziali di studio, ma diventa piuttosto soggetto primario di tutto il percorso di approfondimento e di conoscenza del sociale.

Indice

Parte prima - Informazione qualitativa e percorso strategico della ricerca - I percorsi strategici del dato qualitativo - Le tappe del percorso di ricerca - Il ruolo dei "memos" nell'ambito della ricerca (I concept memos; I profile memos; I theoretical memos; I method memos) - Scopo dell'informazione: dati "soft" e dati "hard" (Dati "soft" e dati "hard"; Ipotesi per un'archiviazione dei dati) - La lettura qualitativa attraverso matrici (Il ruolo delle "omogeneità latenti"; Ipotesi di lettura di una matrice; Le matrici "mirate") - Parte seconda - Le analisi mirate di tipo qualitativo - Analisi qualitativa e "corpus di notizie" (Presupposti per una "analisi lessicale del materiale"; L'individuazione di "unità di base di senso"; Il ruolo delle "proposizioni significative"; L'analisi dei soggetti rispetto a una specifica "sindrome") - Alcuni presupposti per lo studio di materiale qualitativo (Le possibili alternative di "lettura" del fenomeno; Alcune tecniche di aggiustamento: "disambiguazione" e "fusione"; Delimitazione dell'oggetto e delle prospettive di analisi; Possibili legami tra "segno" e "senso") - Il problema delle "unità di analisi" (Il percorso "freddo" e "neutrale"; Il percorso "caldo" e "partecipato"; I piani interpretativi di lettura; Come definire e organizzare i "piani interpretativi di lettura"; Piani di lettura e "unità di analisi") - Parte terza - Quattro possibili percorsi mirati di analisi del dato qualitativo - La scelta del percorso ottimale (I quattro percorsi possibili; Il tipo di materiale qualitativo di cui si dispone; Finalità dell'analisi nell'ambito del disegno complessivo della ricerca; Vantaggi e svantaggi connessi con l'utilizzo di ogni singolo percorso di analisi) - Primo percorso: analisi dei contenuti lessicali (Definizione e applicabilità del metodo; Alcune specificazioni ulteriori: unità di base, disambiguazione e fusione; Suggerimenti per un percorso elaborativo; Un esempio applicativo; Alcune considerazioni di premessa; Il corpus in esame; La scelta del campo operativo; Le forme grafiche e le forme vuote; Disambiguazione, fusione e forme complesse; La fase conclusiva) - Secondo percorso: la scomposizione del testo in frasi di senso compiuto (Definizione e finalità del metodo; Requisiti di applicabilità; Il problema dell'affidabilità; Un esempio applicativo) - Terzo percorso: la costruzione di frasi chiave (Definizione e finalità del metodo; Requisiti di applicabilità; L'individuazione dei piani di analisi; Dai piani di analisi alla costruzione di frasi chiave; Un esempio applicativo) - Quarto percorso: la classificazione in categorie predefinite discriminanti (Definizione e finalità del metodo; Applicabilità del metodo; Un possibile modello applicativo: l'esempio dello studio sulla Personalità Autoritaria; Come interrogare il materiale di base) - Elenco dei concetti e delle parole chiave - Bibliografia analitica in lingua italiana (Opere di carattere generale; Tecniche specifiche; Analisi del contenuto e dei dati; Ricerca qualitativa, computer e trattamento automatico dei dati).