La mina vagante. ll disastro di Seveso e la solidarietà nazionale
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 208,      1a edizione  2010   (Codice editore 1573.390)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 27,50
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856831054
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856828672
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Partendo dal disastro di Seveso, che rappresentò un punto di svolta nel processo di formazione di una cultura ambientalista a livello italiano ed europeo, il volume ricostruisce il difficile percorso attraverso il quale la Commissione parlamentare di inchiesta sul disastro cercò di giungere a un compromesso tra le forze che sostenevano il precario accordo di un governo, già scosso da temi dirompenti quali le interruzioni di gravidanza e la difficile scelta del metodo di decontaminazione del terreno.
Utili Link
Corriere della Sera L'Icmesa è ancora una mina vagante (di Davide Perego)… Vedi...
Il Cittadino Diossina, 1976: "Mina vagante"… Vedi...
Presentazione del volume

Il disastro di Seveso del 10 luglio 1976, con le sue drammatiche conseguenze ambientali e umane, ha rappresentato un punto di svolta nella formazione di una cultura ambientalista a livello italiano ed europeo e ha contributo a modificare l'atteggiamento delle autorità politiche verso i temi ecologici.
Ma l'incidente dell'Icmesa ha prodotto anche altre conseguenze, per lo più trascurate nelle ricostruzioni storiche. I cittadini e le istituzioni si trovarono ad affrontare una serie di questioni inedite e di estrema gravità, sotto il profilo giuridico, sociale, economico e morale. A partire da quell'evento vennero emergendo elementi di conflitto potenzialmente dirompenti per il fragile equilibrio politico di allora, come per esempio il problema delle interruzioni di gravidanza e la contrastata scelta del metodo di bonifica.
La fuoruscita di diossina dalla fabbrica chimica di Meda determinò un impatto imprevisto sul quadro generale, contribuendo a logorare i deboli fili della solidarietà nazionale e ponendo in evidenza le linee di frattura che il difficile dialogo tra Dc e Pci si proponeva di mascherare.
L'Autore ricostruisce l'operato della Commissione parlamentare di inchiesta, istituita a un anno di distanza dal fatto, che rappresentò una possibile occasione per riannodare quei fili e giungere a un compromesso tra le forze che sostenevano il precario accordo di governo, in Lombardia come a Roma.

Bruno Ziglioli, dottore di ricerca in Storia contemporanea, è assegnista presso il Dipartimento di Studi politici e sociali dell'Università di Pavia. Collabora con l'Istituto per la Storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli. Si occupa di storia dell'antifascismo, dell'Italia repubblicana e di élites politiche nell'Ottocento.

Indice


Introduzione
Il disastro, la politica, l'ecologia
(Il disastro e il contesto; Severo, la mina vagante)
La Commissione parlamentare di inchiesta
(L'istituzione dell'inchiesta parlamentare; L'accertamento delle responsabilità)
I punti di contrasto
(Le conseguenze dell'incidente; Le proposte normative)
Il compromesso
(Apogeo e crisi della solidarietà nazionale; La relazione conclusiva; Unanimità apparente; Epilogo)
Appendice
Indice dei nomi.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi