Lo sport degli europei. Cittadinanza, attività, motivazioni
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 240,      1a edizione  2013   (Codice editore 1569.6)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 31,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820440183
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820458843
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
In una prospettiva di comparazione internazionale e di cooperazione interdisciplinare, il volume non si concentra solo sulle tradizionali espressioni dello sport istituzionale nel contesto dell’Europa comunitaria, ma chiama in causa le politiche di welfare e le strategie per la cittadinanza attiva sviluppate dai Paesi dell’Unione, nella convinzione che lo sport sia un potenziale strumento di inclusione sociale.
Utili Link
Alias Pagine per correre, battere, placcare (di Pasquale Coccia)… Vedi...
Presentazione del volume

Lo sport e l'attività fisico-motoria costituiscono un potente sensore del mutamento culturale e insieme rappresentano un emergente diritto di cittadinanza.
La ricerca illustrata nel volume non si concentra perciò esclusivamente sulle tradizionali espressioni dello sport istituzionale (comitati olimpici, federazioni, reti di specialità a scala nazionale o internazionale) nel contesto dell'Europa comunitaria. Al contrario, in una prospettiva di comparazione internazionale e di cooperazione interdisciplinare, chiama in causa le politiche di welfare e le strategie per la cittadinanza attiva sviluppate dall'Unione e dai Paesi che ne fanno parte.
L'indagine propone così una mappa aggiornata dei diversi attori in gioco: movimenti di azione collettiva e istituzioni olimpiche, governi nazionali e poteri locali, imprenditori commerciali e organizzazioni non profit. Il sistema sportivo europeo si configura infatti come un fenomeno articolato e persino contraddittorio: un mosaico di esperienze, culture, bisogni e aspettative.
Lo sport di alta prestazione, spettacolo principe dell'intrattenimento di massa, business planetario e grande narrazione della postmodernità, cerca una controversa convivenza con lo sport dei diritti, potenziale strumento di inclusione sociale. Ne emergono una dialettica non di rado conflittuale e dagli esiti incerti e una stimolante chiave di lettura dell'Europa in una delle sue stagioni più critiche.

Anna Maria Pioletti è professore di Geografia presso l'Università della Valle d'Aosta - Université de la Vallée d'Aoste. Presiede la sezione valdostana dell'Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (Aiig). Tra le sue pubblicazioni dedicate al fenomeno sportivo Luoghi, tempi e numeri dello sport (Bologna 2008) e Giochi sport tradizionali e società (Aosta 2012).
Nicola Porro è professore di Sociologia presso l'Università di Cassino e del Lazio meridionale, dove è titolare degli insegnamenti di Sociologia per i Corsi di laurea in Scienze motorie. Già presidente nazionale di Uisp (Unione Italiana Sport per tutti), presidente dell'Associazione europea dei sociologi dello sport (Eass) e componente del Consiglio nazionale del Cnel (Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro), è membro permanente dell'Accademia olimpica italiana (Aoni).

Indice


Anna Maria Pioletti, Nicola Porro, Introduzione
Parte I. Una questione europea
Nicola Porro, Europa, sistemi sportivi e integrazione comunitaria
Parte II. Partecipazione sportiva e motivazioni
Antonio Mussino, La partecipazione sportiva nell'Unione europea: strategie di misurazione, individuazione di tipologie
Flavia Guidotti, Laura Capranica, Le motivazioni verso sport, istruzione e carriera sportiva degli studenti-atleti italiani
Emanuela Bologna,
Fattori determinanti nella pratica di attività fisico-motoria tra la popolazione giovanile
Parte III. Diritti e qualità della vita
Anna Maria Pioletti, Lo sport di frontiera. Sport e diverse abilità: un caso di studio
Simone Digennaro, Le istituzioni sportive tra politiche europee e nuovi diritti di cittadinanza
Antonio Borgogni, Erika Vannini, Corpi e città. Qualità della vita e opportunità di attività motoria in quattro contesti urbani europei
Conclusioni
Bibliografia di riferimento
Gli autori.