La speranza ferita

Storia delle mutilazioni genitali femminili

Autori e curatori
Contributi
Beatrice Lorenzin
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 164,      1a edizione  2017   (Codice editore 1047.23)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

La speranza ferita. Storia delle mutilazioni genitali femminili
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891712646

In breve

Secondo i dati dell’OMS sono oltre 140 milioni le donne che hanno subito una qualche forma di mutilazione dei genitali e oltre 30 milioni le bambine a rischio ogni anno. Il volume presenta un’ampia trattazione del fenomeno, ripercorrendone la storia, presentandone il contesto clinico-antropologico e giungendo a descrivere la posizione della comunità medica internazionale e le strategie che possono essere adottate per contrastarlo.

Presentazione del volume

Tra le diversità culturali che il fenomeno migratorio ha reso visibili nella nostra società, un posto preminente è occupato dalle pratiche tradizionali pericolose, e in particolare dalle mutilazioni genitali femminili (MGF). I dati epidemiologici soffrono, ancora, di una grave carenza metodologica e della difficoltà di una esatta rappresentazione del fenomeno.
Di origine tuttora ignota, questa pratica viene ancora perpetuata per ragioni socioculturali, psico-sessuali, igieniche, estetiche e religiose, che trovano nella cultura dei Paesi interessati una delle più forti resistenze all'abbandono. Tale pratica colpisce l'immaginario collettivo e pone interrogativi cruciali in un mondo sempre più multietnico e transculturale. È possibile mantenere un equilibrio fra un eccesso di pregiudizio eurocentrico e un eccesso opposto di tolleranza e relativismo?
È giusto prendere posizione ed esprimere dei giudizi? È possibile agire?
Il volume, nel tentativo di rispondere a queste domande, presenta un'ampia trattazione di questo fenomeno, al tempo stesso antico e moderno, ripercorrendone la storia, dall'antichità ai giorni nostri, presentandone il contesto clinico-antropologico e giungendo a descrivere la posizione della comunità medica internazionale e le strategie che possono essere adottate per contrastarlo. Un'interessante riflessione, all'interno dell'opera, è dedicata alle donne provenienti da paesi a forte tradizione escissoria che si trovano ad affrontare problemi che minano la loro salute ed il loro benessere sessuale, psicologico e sociale. Vengono infine, considerate le possibili proposte e concrete strategie per raggiungere il difficile risultato dell'abbandono di una pratica pericolosa per le donne, senza che ciò sia percepito come un'imposizione o come un "tradimento" della propria cultura.

Aldo Morrone
medico chirurgo, è specialista in Dermatologia e Venereologia ed esperto in Medicina tropicale e delle Migrazioni. Dall'inizio degli anni Ottanta si occupa delle tutela e promozione della salute delle popolazioni migranti e delle persone a maggior rischio di esclusione sociale, con équipe multidisciplinari e transculturali. Svolge la sua attività in Africa, Asia, Medio Oriente e America Latina. È docente presso Università italiane e straniere e collabora con numerosi organismi di ricerca nazionali e internazionali. Autore di oltre seicento articoli scientifici e oltre cinquanta libri, ha diretto numerosi Istituti di ricerca scientifica e Ospedali pubblici. Attualmente è direttore del Servizio di Salute Globale - Dermatologia Internazionale e Coordinatore Clinico-Scientifico dell'Istituto San Gallicano IFO, (IRCCS). Per FrancoAngeli ha pubblicato, tra gli altri, L'ospedale San Camillo-Forlanini: prospettive, opportunità (2014) e, con Alessandra Sannella, Sessualità e culture (2010).

Indice

Beatrice Lorenzin, Premessa
Introduzione
Le pratiche tradizionali nell'antichità
(L'origine della pratica tra fonti orali e scritte; Sessualità nell'antico Egitto; Le antiche fonti mediche: Sorano, Galeno ed Ezio; Una lista di motivazioni; Dissigillare l'organo generativo)
La storia moderna
(La diversità culturale in Kenyatta; Verso il nuovo mondo; L'origine della setta degli Skopcy; La clitoridectomia nel XVIII e XIX secolo)
Differenze culturali nella sessualità
(Sessualità nel mondo Arabo; Incanto d'oriente: tra corpi e profumi; L'erotismo nelle Mille e una notte; Islam e Pratiche tradizionali escissorie)
Oltre le Colonne d'Ercole della modernità
(Tra pratiche tradizionali pericolose e Mutilazioni Genitali Femminili; Descrizione delle MGF; Prevalenza ed Epidemiologia; Le ragioni a favore e di contrasto delle MGF)
Mutilazioni genitali femminili nelle comunità migranti
(Abbandonare una pratica tradizionale pericolosa, senza tradire la cultura; Cosa può fare la comunità scientifica internazionale?; La policy delle comunità internazionali; Un imperativo categorico: eliminare tutte le pratiche
tradizionali pericolose)
Bibliografia di riferimento.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi