Il socialismo e la storia. Studi per Stefano Merli
Contributi
Aldo Agosti, Gaetano Arfè, Cesare Bermani, David Bidussa, Carlo Carotti, Enzo Collotti, Enrica Collotti Pischel, Giovanni Contini, Franco Della Peruta, Attilio Mangano, Pier Carlo Masini, Maria Grazia Meriggi, Robert Paris, Giuliano Procacci
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 336,      1a edizione  1998   (Codice editore 1573.234)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 33,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846411099

Presentazione del volume

Questa raccolta di studi e testimonianze in ricordo di Stefano Merli tocca alcuni aspetti significativi della sua figura di studioso e di militante del socialismo.

Merli si è impegnato e ha dato un ricco contributo nella creazione di strumenti di lavoro (riviste, centri, gruppi di studio) e nella partecipazione a importanti istituzioni di ricerca e di esperienze collettive di elaborazione e di confronto culturale, che hanno segnato i diversi periodi della sua vita: da "Movimento operaio" alla "Rivista storica del socialismo" a "Classe" a "Socialismo Storia".

Il volume copre un arco molto vasto di tematiche e di questioni, che sono in buona parte quelle del suo lavoro storiografico, ma anche quelle su cui si è indirizzata e si sviluppa la ricerca dei diversi autori e ancora continua a confrontarsi la storiografia della società contemporanea. Un motivo unificante è costituito proprio dagli spunti di riflessione che esso offre su un filone di studi che ha avuto come riferimento il movimento operaio e che ha accompagnato - con forme e condizionamenti diversi, con frequenti manifestazioni di crisi, di bisogni di cambiamento, di incertezze sulle nuove prospettive - le vicende della società italiana, e in essa particolarmente il versante delle forze politiche e culturali della sinistra, fin dai primi anni del secondo dopoguerra.

Luigi Cortesi è professore di Storia contemporanea presso l'Istituto Universitario Orientale di Napoli. È stato direttore con Stefano Merli della "Rivista Storica del Socialismo" e dirige attualmente "Giano. Pace, ambiente e problemi globali". Tra le sue opere: Il socialismo italiano tra riforme e rivoluzione (Bari, Laterza, 1969) e Storia e Catastrofe (Napoli, Liguori, 1984).

Andrea Panaccione è direttore scientifico della Fondazione Giacomo Brodolini di Milano, per la quale ha coordinato il Progetto internazionale di ricerca sulla storia del I Maggio. È autore tra l'altro di Kautsky e l'ideologia socialista (Milano, Angeli, 1987) e di Un giorno perché. Cento anni di storia internazionale del I Maggio (Roma, Ediesse, 1990).

Indice

Giuliano Procacci , Appunti storico-linguistici in tema di lavoro e di sciopero

Franco Della Peruta , Alcune considerazioni sulla borghesia italiana dell'800

Cesare Bermani , Pierre Degeyter, contestato autore della musica de "l'Internazionale"

Robert Paris , Utopia e scienza nell'immaginario socialista

Maria Grazia Meriggi , Gli operai della Dalmine nelle carte del loro sindacato

Luigi Cortesi , Il Partito Comunista d'Italia di Livorno alla conferenza di Como

Aldo Agosti , I partiti comunisti e il rifiuto radicale della democrazia "borghese": i casi francese, tedesco e italiano negli anni venti

Andrea Panaccione , Socialisti alla prova della seconda guerra mondiale: Pietro Nenni e Fedor Dan

Enzo Collotti , La politica culturale e delle nazionalità del Terzo Reich nell'Adriatisches Küstenland

David Bidussa , Storia e storiografia sul movimento operaio nell'Italia del secondo dopoguerra. Gli anni della formazione (1945-1956)

Attilio Mangano , La sinistra italiana e la cultura dell'inchiesta

Giovanni Contini , Le fonti orali in alcune ricerche di storia agraria toscana

Carlo Carotti , Stefano Merli storico, "militante" ed editore. Un percorso bibliografico

Enrica Collotti Pischel , Incontri con Stefano

Pier Carlo Masini , Ricerca storica e passione socialista

Gaetano Arfè , Discussioni sull'autonomia socialista.