Eguaglianza di genere in Magistratura. Quanto ancora dobbiamo aspettare?
Contributi
Andrea Orlando, Carmen Manfredda, Valerio Onida, Irene Formaggia, Giuseppina Adamo, Rosanna Oliva de Conciliis, Stefania Leone, Donatella Ferranti, Stefano Dambruoso, Elena Centemero, Maria Elisabetta Alberti Casellati, Maria Rosaria San Giorgio, Aniello Nappi, Ilaria Li Vigni, Maria Masi, Paola Ortolan, Gabriella Reillo
Argomenti
Livello
Dati
pp. 124,      1a edizione  2017   (Codice editore 10320.3)

Tipologia: E-book
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Disponibilità Clicca qui per scaricare

Informazioni sulle pubblicazioni ad Accesso Aperto
Codice ISBN: 9788891765833

In breve
Le donne rappresentano oggi la metà dei magistrati italiani, ma sono pressoché assenti dalle posizioni di vertice e dal Consiglio Superiore della Magistratura. È necessario intervenire per via legislativa per risolvere tale squilibrio? Rispondono studiosi del diritto, parlamentari, avvocati, magistrati e componenti del CSM, analizzando le novità più recenti in materia, come la proposta di legge (A.C. 4512, Ferranti ed altri, del 25/5/2017), volta a favorire il riequilibrio di genere nel CSM.
Presentazione del volume

Le donne rappresentano oggi la metà dei magistrati italiani (52%), ma sono pressoché assenti dalle posizioni di vertice e dal Consiglio Superiore della Magistratura. Come risolvere tale squilibrio? È necessario intervenire per via legislativa?
A questi interrogativi rispondono, in questo volume, studiosi del diritto, parlamentari, avvocati, magistrati e componenti del CSM, ripercorrendo la lunga strada dell'attuazione del principio di parità e analizzando le novità più recenti in materia, come la proposta di legge (A.C. 4512, Ferranti ed altri, del 25 maggio 2017), volta a favorire il riequilibrio di genere nel Consiglio Superiore della Magistratura.
Dalla lettura dei contributi emerge chiaramente come il tema della rappresentanza di genere negli organi di vertice e decisionali della Magistratura tocchi nel profondo alcuni principi fondamentali, come l'eguaglianza e il buon funzionamento della giustizia: principi di cui il legislatore dovrà necessariamente farsi carico anche nella prossima legislatura.

Marilisa D'Amico è professore ordinario di Diritto costituzionale presso l'Università degli Studi di Milano, coordinatore della Sezione di Diritto costituzionale del Dipartimento di Diritto pubblico italiano e sovranazionale e di DIRECT (DIReCT - Discrimination and Inequalities Research Strategic Team). È componente del Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa. È autrice di numerose pubblicazioni in tema di Giustizia costituzionale, tutela dei diritti fondamentali, garanzia del principio di eguaglianza, con particolare riferimento alla parità di genere.

Carla Marina Lendaro è magistrato della Corte di Appello di Brescia, Presidente di A.D.M.I. Associazione Donne Magistrato Italiane. È vicepresidente del Comitato pari opportunità presso il Consiglio Giudiziario della Corte di Appello di Brescia. Fa parte della Giunta Distrettuale A.N.M. - Brescia, di cui è stata presidente nel 2015-16. Collabora con la SSM - Scuola Superiore della Magistratura. È autrice di numerose pubblicazioni in tema di parità di genere, violenza di genere, tutela dei diritti fondamentali e diritto di famiglia.

Cecilia Siccardi, dottoranda di ricerca in Diritto costituzionale nell'Università degli Studi di Milano, è autrice di alcune pubblicazione in tema di parità di genere e tutela dei diritti fondamentali.

Indice
Andrea Orlando, Carmen Manfredda, Note introduttive
Parte I. La lunga strada della parità: tra fatti e norme
Marilisa D'Amico, Introduzione
Valerio Onida,
La parità di genere in magistratura: tra eguaglianza e differenza
Irene Formaggia, Il faticoso cammino della parità nella magistratura ordinaria
Giuseppina Adamo, La parità nella magistratura amministrativa tra fatti e norme
Rosanna Oliva de Conciliis, L'uguaglianza di genere tra Costituzione, Giudici e Parlamento
Stefania Leone, I giudici e l'uguaglianza: uno sguardo alle tendenze più recenti
Cecilia Siccardi, La parità di genere in magistratura e nel CSM: brevi note sul contesto europeo
Parte II. La proposta di legge recante misure volte a promuovere l'equilibrio nella rappresentanza di genere nel CSM
Carla Marina Lendaro, Introduzione
Donatella Ferranti,
E se iniziassimo almeno dalla doppia preferenza di genere
Stefano Dambruoso,
Magistratura e parità di genere: traguardo raggiungibile
Elena Centemero,
La parità di genere ai vertici della magistratura: una responsabilità di donne e uomini
Maria Elisabetta Alberti Casellati,
Parità di genere in magistratura. Luci ed ombre
Maria Rosaria San Giorgio,
Per la introduzione di quote di genere nella elezione dell'Organo di governo autonomo della Magistratura
Aniello Nappi,
Un nuovo sistema elettorale per il CSM
Ilaria Li Vigni,
Riflessioni sulla proposta di legge e stato dell'arte
Maria Masi,
Equilibrio di genere nell'Avvocatura: una risorsa
Paola Ortolan,
La sotto-rappresentanza di genere all'interno del CSM: un problema attuale
Gabriella Reillo,
Democrazia paritaria nel CSM: ancora un miraggio?
Materiali
Gli Autori.