I fantasmi della golden age

Paura e incertezza nell’immaginario collettivo dell’Europa occidentale (1945-1975)

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 278,      1a edizione  2019   (Codice editore 541.39)

I fantasmi della golden age. Paura e incertezza nell’immaginario collettivo dell’Europa occidentale (1945-1975)
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891789464
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 24,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835100201
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Quali sono le radici delle paure contemporanee? Il testo intende avanzare alcune riflessioni su questo interrogativo, analizzando quella stagione compresa tra la fine della Seconda guerra mondiale e la metà degli anni Settanta, quel trentennio di straordinaria crescita che vide l’Europa rinascere dalle proprie ceneri. Vista dalla particolare prospettiva della storia delle emozioni, quella golden age si rivela una stagione tutt’altro che spensierata, pervasa da numerosi spettri che sono in larga parte alla base di molte delle paure e delle insicurezze collettive del terzo millennio.

Presentazione del volume

L'attuale "società del rischio", pervasa da emozioni che alimentano un diffuso senso di smarrimento collettivo, spesso vagheggia un'età dell'oro perduta. L'analisi del trentennio di straordinaria crescita e trasformazioni che vide l'Europa rinascere come la mitica fenice dalle proprie ceneri, assume perciò una valenza importante, se non decisiva per la comprensione della dimensione post-moderna. Vista infatti dalla particolare prospettiva della storia delle emozioni, la golden age, come la chiamò Eric Hobsbawm, si rivela infatti una stagione tutt'altro che spensierata.
Attraverso l'analisi delle sensibilità collettive di alcuni paesi dell'Europa occidentale (Regno Unito, Italia, Francia e in parte Germania) e utilizzando come chiave di lettura la stampa, il cinema, la radio, la televisione ma anche le arti figurative e le fonti visuali, il volume si concentra su alcuni degli spettri, reali o immaginari, che la contraddistinsero andando alla ricerca delle origini di molte delle paure e delle insicurezze collettive del terzo millennio.

Gianni Silei è professore associato di Storia contemporanea all'Università di Siena dove insegna Storia sociale e Contemporary European History. I suoi interessi di ricerca riguardano la storia delle politiche di protezione sociale in Europa, la storia culturale delle emozioni collettive e della società del rischio in età contemporanea e la storia dello sport. Tra i suoi studi: Europe and its Fears in the Age of Anxiety: Historiography and Perspectives in De Europa - European and Global Studies Journal, (vol. 1, n. 1, 2018); La legislazione sul Vajont dalle carte di Giovanni Pieraccini (1963-1964), (2016); Le radici dell'incertezza. Storia della paura tra Otto e Novecento (2008).

Indice

Introduzione
Parte I
Anno Zero?
Il nemico
Imperi in polvere
Il vaso di Pandora
Parte II
La fenice
Ribelli
"Pronto, Dimitri?"
You Say You Want a Revolution
Parte III
Apogeo e trauma
Terrore
No Future
Bibliografia
Giornali e periodici
Libri, saggi e articoli
Indice dei nomi