Fascismo e lotta politica a Brescia 1922-1926

Il feudo di Augusto Turati

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 960,   figg. 10,     1a edizione  1988   (Codice editore 1573.113)

Fascismo e lotta politica a Brescia 1922-1926. Il feudo di Augusto Turati
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 83,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820428488

Presentazione del volume

Questo volume si sforza, attraverso l'utilizzazione di un vasto spettro di fonti inedite, di offrire una ricostruzione complessiva della vita pubblica nella provincia di Brescia per il periodo - tra il 1922 e il 1926 - in cui il fascismo si avvia ad imporre il proprio monopolio politico. Città che ha conosciuto, prima, il gigantismo industriale degli anni del conflitto ed un alto sviluppo delle campagne, che ha visto, poi, entrare in crisi il modello corporativo di relazioni sindacali ed affermarsi un'energica mobilitazione agraria, Brescia rappresenta un laboratorio politico per più versi emblematico. Qui fanno le loro prove un personaggio come Augusto Turati, futuro segretario del Pnf, e un grand commis d'état della statura di Arturo Bocchini, qui tradizioni di robusto radicamento, rappresentate da esponenti di sicuro rilievo nazionale - da Montini a Longinotti, da Bonardi a Da Como a Ducos, da Maestri a Viotto, da Ghislandi a Monti -, sono alle prese con una sfida portata da un fascismo che all'esercizio della violenza sa accompagnare una duttile manovra politica e la ricerca di un insediamento sociale allargato a settori ostili come quello operaio. Il feudo di Augusto Turati si costituisce pertanto in uno scontro arduo e impegnativo e, una volta affermatosi, deve pur sempre fare i conti con Istituzioni pubbliche, organismi della società civile, enclaves politiche e culturali non del tutto spente nella loro reattività, gelose di un ruolo e di una autonomia da preservare di fronte alla colonizzazione fascista.

Paolo Corsini (Brescia, 1947) insegna all'istituto di Storia della Facoltà di Magistero dell'Università di Parma. Si è occupato prevalentemente di storia politica e sociale dell'800 e '900. Oltre a vari saggi su riviste e ad un volume sulla storiografia conternporanea, ha pubblicato, presso le nostre edizioni, "Da Salò a piazza della Loggia" e "L'eversione nera". Cronache di un decennio: 1974-1984-,. Attualmente sta conducendo, presso la Fondazione "Luigi Micheletti", uno studio sul periodo tra anni Trenta e Ricostruzione.

Indice

Presentazione, di Emanuele Braghini
Premessa
Introduzione, di Nicola Tranfaglia
Elenco delle abbreviazioni
parte prima
1. La lotta politica all'avvento del fascismo
1. La marcia su Brescia
2. «Sotto il terrore della più folle reazione»
3. La «doppia logica» di popolari e cattolici
4. Le attese della classe dirigente liberale
5. L'espugnazione della Cattedra ambulante di agricoltura
2. La nuova mappa del potere locale
1. «Una provincia difficile»
2. I fascisti all'attacco dei comuni
3. L'assedio al palazzo della Loggia
4. La «corsa alle dimissioni» nel consiglio provinciale
5. Le elezioni amministrative del 1923
3. La «rivoluzione» in cammino
1. Una tattica duttile per il fascio
2. «Il canto dell'amarezza» dei popolari
3. L'affondo contro il Comizio agrario
4. «Via la maschera ai combattenti!»
5. «La tonaca non salverà i preti»
6. Democratici e fascisti: «un proverbiale odio tra fratelli»
7. «Radicali» e «transigenti» a confronto nel Pnf
8. La crisi del sindacato fascista degli agricoltori
Parte seconda
4. Popolari, moderati e democratici di fronte all'offensiva fascista
1. «Divide et impera»
2. Il Ppi in mezzo al guado
3. L'orgoglio della tradizione zanardelliana: «Il Garibaldino»
4. I moderati: filofascisti a Brescia e ministeriali a Roma
5. L'ingombrante presenza di Carlo Bonardi
6. I democratici: «primum vivere deinde philosophari»
5. Verso le elezioni del 1924
1. La «seconda ondata»
2. Il comune di Brescia: una conquista da rinviare
3. La difficile ascesa di Augusto Turati
4. La fascistizzazione del Club liberale
5. I popolari: «né appoggio incondizionato né opposizione ad oltranza»
6. Unitari, massimalisti, comunisti sotto la repressione
7. I risultati elettorali
Parte terza
6. Il feudo di Augusto Turati
1. «Il fascismo ha vinto la sua battaglia»
2. L'«esame di coscienza» dei moderati
3. L'«opposizione programmatica» dei democratici
4. I cattolici e la questione morale
5. «L'idea popolare non morrà»
7. La scomparsa delle opposizioni
1. Estremi sussulti nel Psi
2. La trincea comunista
3. «Ordine, disciplina, lavoro nelle fabbriche»
4. La sfida del «Bolscevismo nero»
5. Augusto Turati da Brescia a Roma
Indice dei nomi
Indice del luoghi






newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi