Le edizioni Corbaccio. Storia di libri e di libertà
Autori e curatori
Contributi
Franco Della Peruta
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 192,   figg. 1,     2a edizione  2001   (Codice editore 1615.10)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23,50
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846425157

Utili Link
Corriere della Sera Milano Dall'Oglio, Corbaccio e gli anni difficili (di Arturo Colombo)… Vedi...
Presentazione del volume

L'avventura umana, imprenditoriale e politica di Enrico dall'Oglio, l'ideatore delle Edizioni Corbaccio, viene ripercorsa sulla base non solo del ricostruito catalogo storico, ma anche su un'ampia documentazione inedita d'archivio.

Partito "dalla gavetta", dall'Oglio poco più che ventenne si guadagnò uno spazio nella scena editoriale italiana imponendosi come editore impegnato nella salvaguardia di valori democratici e antifascisti. La pubblicazione di Reliquie di Giacomo Matteotti nel 1925 costituì l'episodio emblematico di tale vocazione.

Attiratosi perciò la particolare attenzione delle autorità fasciste ed avendo subito numerosi sequestri di opere, egli tentò un'editoria che, nonostante qualche temporaneo compromesso, voleva essere "afascista", ma non certo disimpegnata. Fu questa l'epoca della fortunata Collana storica . Fu questa altresì l'epoca di un'intensa attività editoriale che portò alla ribalta autori italiani (da Svevo a Moravia) e soprattutto stranieri (da Dos Passos a Lawrence, da Galsworthy a Thomas Mann) facendo del Corbaccio un centro capace di mantenere aperte alla cultura italiana non poche finestre sui paesi più avanzati e più liberi.

La morsa della repressione fascista costrinse l'editore all'esilio in Svizzera e diede un grave colpo all'impresa editoriale, ma al tempo stesso fu occasione di nuovi contatti e di nuovi progetti anche di impegno politico diretto.

Una vicenda complessa e ricca di fermenti, dunque, quella di dall'Oglio, che contribuisce ad arricchire il quadro della ricostruzione della cultura italiana nel periodo tra le due guerre.

Ada Gigli Marchetti insegna Storia del giornalismo nella Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli studi di Milano. Si è dedicata agli studi sull'associazionismo dei tipografi, pubblicando, oltre a vari altri saggi, la monografia I tre anelli. Mutualità, resistenza, cooperazione dei tipografi milanesi (1860-1925) (1983), nonché agli studi di storia del giornalismo (stampa femminile e per i giovani) e dell'editoria. La ricerca sulla stampa femminile costituisce la base per il filone di ricerca sulla storia della moda: Dalla crinolina alla minigonna. La donna, l'abito e la società dal XVIII al XX secolo (1995). Ha partecipato con un saggio su Le nuove dimensioni dell'impresa editoriale alla Storia dell'editoria dell'Italia contemporanea curata da Gabriele Turi (1997). È membro del comitato di redazione di "La fabbrica del libro" e di "Storia in Lombardia".

Indice


Franco Della Peruta , Prefazione
Le origini e il decollo della casa editrice
(Quando il Corbaccio non aveva ancora le piume; Gli anni della preistoria: la "Rivista di Milano" e lo Studio editoriale Corbaccio; 1924: dall'Oglio entra nell'agone della produzione editoriale; Monografie e romanzi, una scelta obbligata)
Il consolidamento
(Enrico dall'Oglio: un "giovane magro magro che potrebbe diventare anche il primo editore d'Italia, nel qual caso ingrasserebbe certamente"; Il cerchio si stringe; Il 1932 come il 1924: un anno esaltante)
Sviluppo e difficoltà
(I compromessi: le ragioni dell'esistenza prevalgono su quelle delle convinzioni; La censura e la persecuzione fascista)
La caduta e la ripresa
(Coscienza, il momento del risveglio; L'esilio; Il ritorno di un "piccolo editore")
Catalogo Studio Editoriale Corbaccio (1919-1923)
Catalogo Edizioni Corbaccio (1924-1943)

Le Collane .